Consulenza o Preventivo Gratuito

L'amministratore affigge i nomi dei morosi: è diffamazione!

del 27/03/2013

Contatta | Studio Legale Pecchi
v.le Leonardo da Vinci 114 Roma 00145 Roma (RM)
L'amministratore affigge i nomi dei morosi: è diffamazione!

La sentenza chiarisce che la disposizione di cui all’articolo 51 c.p., rubricato "esercizio di un diritto o adempimento di un dovere", non può ritenersi applicabile al caso di un amministratore che per giustificare il distacco di un’utenza lo colleghi alla morosità di alcuni condomini, individuati con nome e cognome, in quanto non vi sarebbe stata alcuna necessità di "scongiurare un evento altrimenti non evitabile".

Per quanto riguarda, invece, l’elemento psicologico del reato de quo, il Supremo Collegio stabilisce che "in tema di delitti contro l’onore, non è richiesta la presenza di un animus iniurandi vel diffamando, ma appare sufficiente il dolo generico, che può anche assumere la forma del dolo eventuale, in quanto basta che l’agente, consapevolmente, faccia uso di parole ed espressioni socialmente interpretabili come offensive, ossia adoperate in base al significato che esse vengono oggettivamente ad assumere, senza un diretto riferimento alle intenzioni dell’agente".

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c