Consulenza o Preventivo Gratuito

Giovani stagisti: avrete diritto ad una indennità!

del 11/03/2013

Giovani stagisti: avrete diritto ad una indennità!

Il tirocinio rappresenta sempre più per i giovani il primo impatto con il mondo produttivo, ancor prima dell’ingresso nel mondo del lavoro come apprendisti. Ne prendiamo atto senza voler entrare nel merito di questa evidenza.

Vero è che prima della conferenza Stato-Regioni del 24 gennaio ultimo scorso, lo stage, o il tirocinio che dir si voglia, era gratuito.

Lo stagista per tale periodo non percepiva nulla dall’impresa che lo accoglieva che gli permetteva un primo impatto con il mondo del lavoro.

Sia nell’ottica dell’impresa, alla ricerca di un nuovo valido collaboratore, sia in quella di un giovane, desideroso di mettersi alla prova e dimostrare le proprie potenzialità, la cosa non poteva che essere considerata positivamente. Per entrambe le parti era ed è una chance. Nel futuro lo stage non sarà più gratuito.

Siccome è nella natura di molti di noi fare i furbetti, le cose, seppur nate con spirito positivo, spesso prendono una piega diversa. In questo caso, molti hanno intravisto la possibilità di utilizzare, a rotazione, manodopera a costo zero.

Vi sono eclatanti esempi a proposito, come quello di una studentessa specializzanda in Economia e Commercio che si è ritrovata in stage in una grande azienda di abbigliamento ad aprire scatoloni ed appendere abiti (ma lo stage era stato istituito per intrattenere rapporti commerciali con l’estero!).

Da qui, forse, la decisione della Conferenza Stato-Regioni di prevedere nei confronti dello stagista il pagamento di una indennità non inferiore a 300 € lordi mensili (con l’intento di elevarla a 400 € in futuro), oltre a porre più stringenti limiti alla durata temporale ed al numero di soggetti accoglibili in relazione alle dimensioni aziendali.

E’ però il caso di chiarire, al fine di non ingenerare inutili attese, che quanto previsto dalla Conferenza Stato-Regioni non si riferisce ai tirocini curricolari, ovvero quelli promossi dalle scuole e dalle università, né a quelli riguardanti la pratica professionale e neppure a quelli “estivi”.

Sappiano, inoltre, gli stagisti futuri, perché è a costoro che si indirizzerà la norma regionale, che dalla data del 24 gennaio scorso, alle Regioni è stato concesso un tempo di 6 mesi per recepire le linee guida della Conferenza Stato-Regioni e legiferare in merito e che, allo stato dell’arte, la Regione Lombardia, come moltissime altre, non lo ha ancora fatto.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c