Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Slow design

del 07/11/2011
CHE COS'È?

Slow design: definizione

Slow design è un termine relativamente nuovo, derivato dal movimento Slow Food iniziato nel 1986 da Carlo Petrini, sicuramente una delle operazioni meglio riuscite nell’ambito di eticità, rispetto del territorio, ecologia eccetera.
Il concetto di pensare la progettazione in modo slow da luce a diversi aspetti che rientrano in una progettazione etica; manifesti di Design Etico citano ad esempio l’intento di dare ampio spazio allo sviluppo di un progetto che valuti l’oggetto di design non solo sulle modalità con le quali viene concepito e prodotto, ma anche riconoscendo il contributo che l’oggetto in sé può dare ai bisogni fondamentali dell’uomo rispettandone la vera essenza.
Molte sono le aree ancore inesplorate in questa disciplina, ma i concetti base sono il rispetto delle tempistiche di progetto, sviluppo e produzione,
indipendentemente da tempi legati alle mode o alle fiere ed eventi commerciali; la valorizzazione dei distretti industriali e l’incentivazione del lavoro artigianale e delle piccole imprese; l’educazione al gusto, dove l’acquisto di oggetti gadget o di omologazione di massa dovrebbe venire sostituito da oggetti in cui la forma e la bellezza rispecchiano la funzionalità; naturalmente ecologia e sostenibilità sia nella progettazione che nel prodotto e recupero di aree di bassa divulgazione di cultura e innovazione.

Monica Ferrigno
Interior designer
Ildoppiosegno Design Studio


COME SI FA

Slow design è più una filosofia che si sceglie e si condivide che non una vera e propria disciplina. Viene infatti applicata in diversi ambiti del design, quali la progettazione di mobili, oggetti industriali e non, grafica, progettazione della luce e degli interni eccetera. Comporta quasi sempre una metodologia di ricerca ed un analisi iniziale approfondita nei confronti del soggetto della progettazione, mantiene comunque una programmazione dei tempi e delle fasi classiche della progettazione, ma legate maggiormente alla produzione sostenibile.
Differente invece sarà la presentazione al mercato del prodotto, che non seguirà le comuni leggi di marketing, in quanto sarà importantissimo che la filosofia slow della progettazione possa trasparire ed aiutare il prodotto ad immettersi nel mercato.


CHI

Esiste un movimento di slow design nel mondo, nato in UK ma dall’invenzione Italiana di slow food, che si è sviluppato soprattutto in Inghilterra e USA. In Italia questo che più che un movimento è una tendenza ha avuto riscontro in una serie di conferenze e di articoli proprio su questo tema ricaduto quasi come conseguenza naturale nell’ambito del design.
Sono ancora pochi gli studi ed i professionisti che si dichiarano slow designer, ma è sicuramente una tendenza in forte crescita per gli anni a venire, anche a fronte degli importanti passi fatti in questi ultimi anni nella sostenibilità ed ecologia ambientale dalle singole aziende ma anche da istituzioni statali. Sicuramente molti studi di design presenti sul mercato Italiano da anni senza specifiche dichiarazioni adottano comunque questa filosofia facendo il lavoro di designer in modo etico e sostenibile.


vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c