Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Enti ecclesiastici: regime fiscale

del 27/02/2017
CHE COS'È?

Enti ecclesiastici regime fiscale: definizione

Per conoscere da vicino il regime fiscale degli enti ecclesiastici è necessario fare riferimento all'articolo 20 della Costituzione, che sancisce che il fine di culto o di religione di un'istituzione o di un'associazione o il loro carattere ecclesiastico non possono essere considerati una causa di gravami fiscali speciali o di limitazioni legislative particolari. Nonostante ciò, gli enti confessionali possono godere di un regime tributario diverso, che deriva dal Concordato stipulato tra la Santa Sede e il nostro Paese nel 1929. L'articolo 29 del Concordato specifica che agli effetti tributari il fine di culto o di religione è equiparato a quelli di istruzione e beneficenza. 


COME SI FA

Cosa prevede il trattamento tributario per gli enti ecclesiastici?

L'articolo 7 dell'Accordo tra la Repubblica Italiana e la Santa Sede (il cosiddetto Nuovo Concordato) rileva, a proposito del regime degli enti ecclesiastici, dei cambiamenti rispetto ai privilegi che erano stati concessi nel 1929 con i Patti Lateranensi. In particolare, le attività diverse da quelle di culto e di religione che vengono messe in pratica da tali enti devono essere soggetto al regime tributario che lo Stato prevede per loro, nel rispetto della finalità e della struttura degli enti. Eppure il trattamento tributario degli enti ecclesiastici in Italia è molto più articolato e complesso di quel che si potrebbe immaginare. Seguendo un'interpretazione prettamente letterale della norma si può dedurre che le attività di religione sono differenti dalle attività che hanno una natura commerciale. D'altro canto, l'attività religiosa non può avere un carattere commerciale, in quanto non è finalizzata alla prestazione di servizi con natura economica né alla produzione o alla vendita di beni. 


CHI

Un commercialista.


FAQ

1. Quali sono le attività commerciali svolte dagli enti ecclesiastici?

L'organizzazione di viaggi e la fornitura di prestazioni alberghiere, ma anche la somministrazione di pasti e l'attuazione di soggiorni turistici, devono essere ritenute a tutti gli effetti delle attività commerciali nel momento in cui sono eseguite a fronte di specifici corrispettive, e se vengono svolte in maniera non occasionale sono da considerarsi produttive di reddito di impresa ai fini delle imposte dirette: in più sono costituenti esercizio di impresa ai fini IVA. 

2. Quali sono le disposizioni sull'IMU per gli enti ecclesiastici?

Le esenzioni dall'IMU devono essere concesse unicamente agli immobili che sono dedicati in maniera esclusiva allo svolgimento di attività non commerciali, mentre nel caso di immobili a uso misto (sia commerciale che non commerciale) viene riconosciuta un'esenzione unicamente per la parte di unità immobiliare dedicata all'attività non commerciale. Può accadere, tuttavia, che non sia possibile stabilire con precisione quali siano le parti di immobili dedicate ad attività commerciale e le parti di immobili dedicate ad attività non commerciale: in una situazione del genere, l'esenzione viene applicata in funzione dell'utilizzo.

3. Come sono disciplinate le erogazioni liberali?

La normativa prevede che le erogazioni liberali siano deducibili fino a un massimo di 1.032 euro e 91 centesimi: ciò vale sia per le donazioni a favore dell'Istituto centrale per il sostentamento del clero della Chiesa cattolica, sia per le donazioni a favore delle confessioni religiose che hanno sottoscritto delle intese ad hoc con lo Stato italiano. Tra queste, si ricordano l'Unione italiana delle Chiese cristiane avventiste, le Assemblee di Dio in Italia, l'Unione delle Comunità ebraiche italiane, l'Unione Cristiana Evangelica Battista d'Italia, la Sacra Arcidiocesi d'Italia ed Esarcato per l'Europa meridionale e la Chiesa Evangelica Luterana.
vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c