Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Bilancio societario consolidato di gruppo

del 27/11/2017
CHE COS'È?

Bilancio societario consolidato di gruppo: definizione

Il bilancio societario consolidato di gruppo consiste in un documento consuntivo di esercizio che si pone l'obiettivo di illustrare la situazione di un gruppo di imprese dal punto di vista finanziario, dal punto di vista patrimoniale e dal punto di vista economico: ad elaborarlo è la capogruppo, vale a dire la società che si trova al vertice. Questo bilancio non ha forza legale, pur essendo un documento pubblico: esso è in grado di definire i risultati economici del gruppo, ma non può essere sfruttato per l'attribuzione degli utili complessivi, e quindi non consente la distribuzione dei dividendi ai soci delle società in perdita che fanno parte del gruppo. Nel gruppo sono incluse tutte le società su cui è esercitato un controllo. 


COME SI FA

Quali sono le caratteristiche di un bilancio societario consolidato di gruppo?

Secondo la legge del nostro Paese, il bilancio societario consolidato di gruppo deve essere costituiti dagli stessi documenti che compongono il bilancio di esercizio: si tratta, cioè, dello stato patrimoniale, del conto economico, della nota integrativa, degli organi di controllo (il revisore contabile e il collegio sindacale) e della relazione sulla gestione. I documenti devono essere supportati da un rendiconto finanziario, da un prospetto di raccordo tra il patrimonio netto e il risultato di esercizio della capogruppo e del gruppo e da un prospetto dei movimenti e delle variazioni delle voci di patrimonio netto tra la fine dell'esercizio e la sua conclusione. Sul piano contabile, questo tipo di bilancio è contraddistinto dalla depurazione di quelle che sono definite come operazioni intercompany, che corrispondono alle operazioni intercorse tra le società del gruppo. 


CHI

I soggetti che sono obbligati alla redazione di un bilancio societario consolidato di gruppo sono le società cooperative e le società di capitali che controllano altre imprese, qualunque sia la loro forma giuridica. Il riferimento normativo in materia è rappresentato dal Decreto Legislativo n. 127 del 9 aprile del 1991, all'articolo 25, che menziona anche gli enti pubblici commerciali che controllano le società di capitali e le mutue assicuratrici.


FAQ

1. Quali sono i casi in cui si può essere esonerati dalla redazione del bilancio societario consolidato di gruppo?

Un caso è quello delle subholding, vale a dire quello delle controllanti che sono controllate, a loro volta, da altre società che devono rispettare l'obbligo di redigere il bilancio consolidato. Occorre che la subholding sia controllata per più del 95%; nel caso in cui, invece, si abbia a che fare con una percentuale di controllo inferiore, è indispensabile che a richiedere la redazione del bilancio consolidato non sia un numero di soci in possesso, almeno sei mesi prima che l'esercizio venga chiuso, del 5% del capitale sociale, a condizione che la capogruppo sia residente nella Ue e che nel gruppo non ci siano società quotate. Un altro caso di esonero è quello che coinvolge i gruppi di dimensioni modeste, con riferimento a quelli che non hanno superato ricavi superiori a 25 milioni di euro e un attivo patrimoniale di 17 milioni e 500mila euro, a livello di gruppo, per due esercizi di seguito (oppure che non hanno superato un numero di dipendenti pari a 250 unità e ricavi superiori a 25 milioni di euro; o, ancora, che non hanno superato un attivo patrimoniale di 17 milioni e 500mila euro e un numero di dipendenti pari a 250 unità).
vota  

Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati