Consulenza o Preventivo Gratuito
Domande & risposte

Lavoro come collaboratrice domestica contemporaneamente presso due famiglie. Ogni fine mese mi viene pagata la retribuzione senza busta paga. Mio marito che lavora in industria la riceve.

vota  


Per quanto riguarda il lavoro domestico l’art. 32 del CCNL “Lavoro domestico” prevede che il suo datore di lavoro, unitamente all’importo della retribuzione, le consegni anche un prospetto paga. Presti attenzione:  non si tratta di un vero e proprio cedolino paga numerato e vidimato dall’Istituto Nazionale contro gli Infortuni sul Lavoro (sebbene lei sia comunque assicurata presso tale Istituto) - come quello che viene consegnato a suo marito - ma di un semplice prospetto sul quale vengono riportati i valori della paga contrattuale, degli eventuali scatti di anzianità, dell’eventuale quota sostitutiva di vitto e alloggio e, se concordato tra le parti, l’importo di superminimo, nonché le trattenute per oneri previdenziali a carico del lavoratore. Diversamente dal cedolino paga di suo marito, sul prospetto che le deve essere consegnato, non risulteranno trattenute fiscali, non essendo il suo datore di lavoro un sostituto d’imposta. Conseguentemente, a tempo debito, sarà sua cura, percependo due redditi da lavoro dipendente (oltre ad eventuali altri redditi), presentare la dichiarazione dei redditi e versare, se dovuta, l’imposta. Lo potrà fare richiedendo preventivamente ai suoi datori di lavoro, entro il mese di febbraio, le certificazioni dei compensi dai quali risultino gli importi complessivi delle retribuzioni erogate da ciascuno nell’anno precedente. Anche in questo caso non si tratta di veri e propri CUD come quelli dei lavoratori subordinati che operano in una impresa, ma di semplici dichiarazioni firmate dai suoi datori di lavoro. Con queste certificazioni dei compensi potrà redarre la dichiarazione dei redditi, la cui copia costituirà il documento che potrà presentare alla banca per ottenere il mutuo di cui necessita. Nel caso in cui non avesse due datori di lavoro, quindi una sola certificazione dei compensi, potrà certamente presentare soltanto quella alla banca.    



sidebar domande e risposte