Consulenza o Preventivo Gratuito
Domande & risposte

Ho intenzione di ristrutturare casa, affidando i lavori ad una impresa di mia fiducia. Quali sono gli accorgimenti che devo adottare per non incorrere in qualche imprevisto?

vota  


In primo luogo deve accertare che l’impresa di cui intende avvalersi per i lavori di ristrutturazione sia in regola con le normative vigenti (in tema di sicurezza, tenuta in regola dei lavoratori etc.). Infatti il committente, in qualità di datore di lavoro, ha l’obbligo di valutare l’idoneità allo svolgimento dell’attività commissionata all’impresa appaltatrice (cfr. Cassazione Penale, Sez. IV, sent. 30/01/2012 n. 3563 e D.Lgs. 81/2008). In secondo luogo, se di regola è l'appaltatore a doversi ritenere responsabile dei danni derivati a terzi dall’esecuzione dell'opera, in virtù della sua completa autonomia organizzativa, tuttavia, il committente è ritenuto corresponsabile in via diretta in talune ipotesi, una fra tutte quando l'evento dannoso gli sia addebitabile a titolo di “culpa in eligendo” cioè per esser stata l'opera affidata ad impresa che palesemente difettava delle necessarie capacità tecniche ed organizzative per eseguirla correttamente (cfr. Cassazione C., Sez. III, sent. 5/12/2011 n. 26002; Cassazione C., Sez. III, sent. 27/05/2010 n. 12971). Consiglierei quindi di stipulare, prima dell'inizio dei lavori di ristrutturazione, una polizza assicurativa cosiddetta "rc del capofamiglia" che tiene indenne l'assicurato, in qualità di committente di lavori di ristrutturazione, dagli eventuali danni causati a terzi in conseguenza dell’opera dell’appaltatore.

Dott. Giuliano Ruffinazzi, Centro Assicurativo Pavese


                                                               



sidebar domande e risposte