Consulenza o Preventivo Gratuito

Fisco, test di qualità

del 03/11/2010
di: Pagina a cura di Cristina Bartelli
Fisco, test di qualità
Il questionario sul gradimento fiscale dei verificatori da parte dei contribuenti diventerà nazionale. Le domande sono state preparate e ritirate in meno di due settimane dalla direzione regionale Piemonte, promotrice dell'iniziativa (si veda ItaliaOggi del 13/10/2010 e del 22/10/2010). Per i sindacati l'iniziativa poteva avere riflessi nel controllo sulle segnalazioni dei contribuenti dell'attività dei dipendenti dell'Agenzia delle entrate inviati a fare verifiche e controlli. Ora invece arriva il riconoscimento da parte della sede centrale dell'Agenzia delle entrate. Il questionario diventerà un'iniziativa nazionale per conoscere ai fini statistici che rapporto esiste tra il fisco che controlla e i contribuenti, una sorta di censimento fiscale. Anche se al momento, secondo quanto risulta a ItaliaOggi, per il modello di questionario e per il vademecum allegato sono in fase di studio degli aggiustamenti. I nodi da sciogliere forse riguardano proprio aspetti legati a domande che risultino piuttosto che come una indagine sul rapporto fisco -contribuente come un controllo indiretto dell'attività dei verificatori. Il testo predisposto dalla Direzione regionale del Piemonte prevedeva la suddivisione in due blocchi delle domande: uno sui diritti e sulle garanzie del contribuente sottoposto alle verifiche e uno sulle operazioni di verifica. Nel primo caso i punti su cui si richiedono valutazioni riguardano le informazioni fornite o meno, da parte dei funzionari dell'Agenzia, sui diritti e le garanzie del contribuente soggetto a verifica. Per quanto riguarda le operazioni di verifica le domande riguardano l'atteggiamento e il comportamento tenuto dai funzionari. Un intento improntato, per la direzione regionale piemontese, a rendere più serena la fase delicata del rapporto tra cittadino e fisco. Anche se persistono le perplessità e critiche da parte dei sindacati. Per Vincenzo Patricelli, responsabile fiscale della sigla Flp: «Un'iniziativa come quella del Piemonte può essere letta solo come delegittimazione dei verificatori. E l'Agenzia ha confermato che manderà il questionario a livello nazionale».
vota