Consulenza o Preventivo Gratuito

L'Unico al 5/10 non è proroga

del 28/10/2010
di: La Redazione
L'Unico al 5/10 non è proroga
Lo spostamento al 5 ottobre scorso per la trasmissione telematica delle dichiarazioni non è equiparabile ad una proroga dei termini. Si è trattato infatti di un semplice slittamento del termine per gli adempimenti in scadenza resosi necessario a seguito di un guasto tecnico al servizio Entratel. A chiarire l'esatta portata giuridica del suddetto spostamento dei termini è stata la stessa Agenzia delle entrate attraverso un comunicato stampa diffuso nel pomeriggio di ieri.

Il termine per la presentazione delle dichiarazioni, si legge nel comunicato delle entrate, non è stato prorogato, ma è si soltanto consentito di inoltrare le stesse entro il 5 ottobre 2010 a causa dei problemi tecnici verificatisi nella giornata della scadenza (30 settembre) al servizio telematico.

La precisazione è importante perché dalla stessa ne consegue che tutti gli adempimenti di natura tributaria, successivi alla scadenza del 30 settembre ma ad essa comunque riferiti, dovranno essere eseguiti nel rispetto dei termini per gli stessi previsti facendo riferimento ala scadenza originaria e non a quella differita.

Per comprendere appieno la portata giuridica del comunicato stampa di ieri facciamo un semplice esempio. È noto che le dichiarazioni trasmesse oltre i 90 giorni successivi al termine di scadenza per l'invio telematiche si considerano omesse a tutti gli effetti di legge. In assenza del chiarimento fornito ieri dalle entrate si poteva quindi validamente ritenere che il suddetto termine di 90 giorni potesse decorrere non dal 30 settembre ma bensì dal nuovo termine differito del 5 ottobre 2010.

Con la precisazione di ieri sono invece sgombrati tutti i dubbi interpretativi al proposito. Tornando quindi all'esempio delle dichiarazioni omesse saranno considerate tali tutte quelle inviate a far data dal prossimo 30 dicembre, che coincide infatti con il novantunesimo giorno successivo alla scadenza originaria del 30 settembre 2010.

Le dichiarazioni Unico 2010 trasmesse telematicamente dal 6 ottobre scorso fino al 29 dicembre prossimo saranno invece validamente presentate ancorché tardive.

Il fatto di mantenere fermo il termine del 30 settembre considerando invece la possibilità di trasmettere le dichiarazioni 2010 fino al 5 ottobre come un mero slittamento e non una vera e propria proroga dei termini, renderà dunque più semplice identificare esattamente il giorno nel quale effettuare tutti gli adempimenti tributari direttamente o indirettamente collegati alla scadenza di trasmissione delle dichiarazioni stesse.

Nessuna proroga dunque per l'invio delle dichiarazioni dei redditi 2010 che rimane ancorata, coma da calendario originario, al 30 settembre 2010.

Andrea Bongi

vota