Consulenza o Preventivo Gratuito

Commercialisti, il tirocinio all'università

del 01/10/2010
di: di Ignazio Marino
Commercialisti, il tirocinio all'università
Il Tar del Lazio dà una mano agli aspiranti dottori commercialisti. Con apposita sentenza (n. 30999 depositata il 17 agosto 2010), infatti, il tribunale amministrativo ha intimato al ministero dell'università di adottare, entro trenta giorni, il regolamento con le agevolazioni per i tirocinanti previsto dall'articolo 6, comma 2, del decreto n. 143/2009. La disposizione normativa menzionata stabilisce che: «Due anni di tirocinio possono essere svolti contestualmente al biennio di studi finalizzato al conseguimento del diploma di laurea specialistica o magistrale qualora siano soddisfatte le condizioni fissate dalla convenzione quadro siglata dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e dal ministero dell'istruzione, università e ricerca, di cui all'articolo 43, comma 2, del decreto legislativo n. 139 del 2005». In attesa dell'adozione della predetta convenzione le condizioni minime per lo svolgimento del tirocinio contestualmente alla frequenza del biennio di studi finalizzato al conseguimento del diploma di laurea specialistica o magistrale dovevano essere definite in via provvisoria con decreto di natura non regolamentare del ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. Provvedimento che però non è mai arrivato e che ha portato cinque praticanti bolognesi in possesso di laurea triennale a ricorrere alla giustizia amministrativa per sentire dichiarare l'illegittimità dell'inerzia del Miur.

Dopo la notifica della sentenza, sono quindi già scattati i termini per l'adempimento. In caso di perdurante inerzia, scrivono i giudici, si potrà procedere, a semplice istanza di parte, alla nomina di un commissario ad acta, che provveda in luogo dell'amministrazione. La decisione del Tar è stata salutata con favore dall'Unione giovani dottori commercialisti ed esperti contabili impegnata ieri e oggi a Catania in un convegno nazionale sulla legalità e sulla questione giovanile (si legga altro articolo in pagina).

vota