Consulenza o Preventivo Gratuito

Dall'Ue 30 milioni ai prodotti agricoli

del 02/07/2010
di: di Gianluca Cazzaniga
Dall'Ue 30 milioni ai prodotti agricoli
La Commissione Ue ha approvato 19 programmi nazionali o multinazionali per promuovere i prodotti agricoli europei, mettendo a disposizione circa 30 milioni di euro. Cioè circa il 50% del budget previsto per coprire il costo di tali progetti triennali. Per esempio, Bruxelles finanzierà metà del programma triennale italiano da 4 milioni di euro per promuovere il prosciutto San Daniele e il Grana padano in Italia e in Gran Bretagna. Nonché un altro programma triennale nostrano da quasi 3 milioni di euro, per promuovere l'agricoltura ornamentale in Italia, Grecia e Romania. «L'Unione europeo coltiva prodotti unici per qualità e diversità», ha dichiarato il commissario europeo all'Agricoltura e allo sviluppo rurale, Dacian Ciolos. «In un mercato globale non basta solamente produrre cibo e bevande eccellenti. Dobbiamo aumentare gli sforzi per spiegare ai consumatori che l'Ue mette in tavola standard e qualità». Da un lato, le misure finanziate attraverso questo quadro possono riguardare azioni promozionali mirate a spiegare i vantaggi dei prodotti europei in termini di qualità, valore nutritivo, sicurezza alimentare, rispetto dell'ambiente e della salute degli animali. Dall'altro, i finanziamenti europei possono aiutare a coprire la partecipazione a fiere ed eventi o a spesare campagne di comunicazione sul sistema europeo delle Appellazioni di origine protetta (Aop) e affini. Ogni anno le organizzazioni del settore hanno tempo fino alla fine di novembre per inviare le loro proposte ai rispetti stati membri. Questi effettuano una prima cernita e spediscono a Bruxelles la lista dei progetti selezionati. Infine, la Commissione Ue valuta i programmi e decide quali finanziare e quali no. Quest'anno l'esecutivo comunitario ha dato il via libera a una ventina di programmi in 14 stati membri: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Francia, Grecia, Italia, Irlanda, Paesi Bassi, Polonia, Slovenia, Spagna e Regno Unito.

vota