Consulenza o Preventivo Gratuito

Sì ai finanziamenti per creare impresa

del 02/04/2010
di: di Simona D'Alessio
Sì ai finanziamenti per creare impresa
Arriva un bel regalo di Pasqua per l'incremento dell'imprenditoria in tre regioni d'Italia. Ieri, infatti, il comitato di fattibilità della legge 181/89 (la norma sulla reindustrializzazione e il rilancio delle aree industriali colpite da crisi di settore, ndr), che comprende rappresentanti del ministero dello Sviluppo economico e di Invitalia, l'agenzia nazionale per l'attrazione d'investimenti e lo sviluppo d'impresa, partecipata al 100% dal ministero dell'economia, ha dato parere favorevole alle domande riguardanti sette nuovi progetti di finanziamento, ora ammessi alla fase istruttoria. Ecco la distribuzione: quattro iniziative in Puglia, due in Campania e uno nell'Emilia Romagna. La dote è sostanziosa, poiché la strategia di sostegno alle imprese si fonda su un ammontare complessivo di oltre 75 milioni di euro (di cui 37 sono risorse pubbliche) che avrà rilevanti ricadute occupazionali, in una fase poco felice dell'economia: 330 nuovi posti di lavoro. I piani in attesa del semaforo verde definitivo riguardano più di un settore, poiché si spazia dalla produzione di cemento sfuso a quella di imbarcazioni da diporto, dai pannelli isolanti alla produzione di tende oscuranti per interni, dalle reti per l'agricoltura a una piattaforma automatizzata per la raccolta differenziata, fino a un'innovativa linea di stampa a rilievo. Le forme di sovvenzione previste dalla 181 sono il contributo a fondo perduto e il finanziamento agevolato, strumenti che rendono a distanza di molti anni la normativa ancora estremamente valida; varata per far fronte al pesante crollo subito dal comparto siderurgico nella Penisola negli anni '80, la legge continua a dare i suoi frutti generosi, giacché negli ultimi due anni ha sostenuto 19 iniziative imprenditoriali in 12 regioni, con un investimento di 133 milioni (95 milioni di provenienza statale), dando lavoro a 726 persone.

vota