Consulenza o Preventivo Gratuito

Domicilio digitale: cos’è e perché attivarlo

del 11/09/2017
di: Redazione
Domicilio digitale: cos’è e perché attivarlo

Nell’ottica di riformare la Pubblica Amministrazione e facilitare il dialogo con i contribuenti, è stata introdotta per i cittadini la possibilità di indicare un domicilio digitale.

Cos’è il domicilio digitale? È una delle novità presenti nel Codice dell’Amministrazione digitale: una casella di posta certificata – una PEC – registrata nell’ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente) in cui il richiedente riceve tutte le comunicazioni e gli atti inerenti la pubblica amministrazione. In queste rientrano le notifiche di multe stradali e le cartelle esattoriali.

Il domicilio digitale funziona al pari di un domicilio fisico perché è certificato da una PEC e, come l’identità digitale SPID, mette in diretto contatto il singolo cittadino con la Pubblica Amministrazione.

Come si attiva il domicilio digitale? L’iter di attivazione del servizio è in via di definizione. Di certo si sa che è necessario essere titolari di un indirizzo di posta certificata e richiedere il domicilio digitale al proprio Comune di residenza con un apposito modulo di domanda.

Fonte e approfondimento: www.leggioggi.it
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Le liberalizzazioni non limitano gli enti ma li valorizza

del 24/01/2013

L'obbligo per le regioni e gli enti locali di adeguare i propri ordinamenti ai principi di liberaliz...

La coincidenza dei termini mette in affanno gli enti

del 23/04/2013

Gli enti locali in ambasce per la coincidenza dei termini per le richieste al Mef di deroga al Patto...

La p.a. pagherà i professionisti

del 05/06/2013

Al banchetto dei pagamenti della p.a. siederanno anche i professionisti. I crediti da loro vantati v...