Consulenza o Preventivo Gratuito

Lavoro e social network: sì al controllo di condotta illecita

del 04/10/2016
di: Redazione
Lavoro e social network: sì al controllo di condotta illecita

Con le modifiche all’art. 4 dello Statuto dei lavoratori, il datore può controllare il dipendente se sospetta condotta illecita.

Tra le riforme previste dal Jobs act c’è anche la modifica apportata all’articolo 4 dello Statuto dei lavoratori: il datore di lavoro può controllare la condotta di un dipendente se sospetta un comportamento illecito e lesivo per l’azienda.

In particolare, è lecito creare un falso profilo sui social network per consentire al responsabile delle risorse umane o al capo di spiare l’attività di un dipendente sospettato di sottrarsi alle proprie mansioni professionali.

È invece giudicato illecito verificare le comunicazioni su Skype – sia private che professionali – tenute dal dipendente durante l’orario di lavoro. In questo caso, si compromette la privacy e la segretezza delle comunicazioni sancita dall’art. 15 della costituzione, artt. 616 ss. c.p.

Insomma, se da una parte i social network facilitano il lavoro, come si prospetta sarà con Facebook at work, dall’altra costituiscono motivo di ingiustificata distrazione per il dipendente e uno strumento di controllo per il datore di lavoro. 

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Progetto: salute e sicurezza al passo con i tempi

del 29/01/2013

Nell'ambito della collaborazione tra l'Inail e il Consiglio nazionale dell'Ordine dei consulenti del...

La puerpera fa esperienza anche da casa

del 05/02/2013

La futura mamma, che lavorava a part-time, matura esperienza anche se rimane a casa e non fa, quindi...

Politica disinteressata ai problemi reali del paese

del 05/02/2013

L'allarme è di quelli rossi e non va sottovalutato. Nel 2012 hanno chiuso 365mila aziende, cioè 1000...