Consulenza o Preventivo Gratuito

Partita IVA: quali possibili novità in arrivo

del 08/09/2016
di: Redazione
Partita IVA: quali possibili novità in arrivo

Dal 2017 possibili novità per i lavoratori autonomi con partita IVA.

I lavoratori autonomi con partita IVA in Italia costituiscono una rete di competenze e operatività determinante per il mantenimento e lo sviluppo di aree cruciali per l’economia nazionale, com’è quella tecnologica. Eppure, a chi ha partita IVA i governi che si sono succeduti hanno chiesto pesanti contributi fiscali dando in cambio tutele insufficienti o nulle.

Da gennaio 2017 la situazione dei lavoratori autonomi dovrebbe cambiare e, soprattutto, migliorare. È quanto dichiarato dal sottosegretario al Consiglio dei Ministri Tommaso Nannicini.

La prima novità per le partite IVA è la cancellazione dell’aumento di aliquota contributiva che, al contrario, dovrebbe ridursi dal 27 al 25%; inoltre, la contribuzione per le spese assistenziali come la maternità e la malattia passerebbe dallo 0,72% fino all’1 o 1,25%. Queste operazioni porterebbero a un’aliquota complessiva del 26-26,5%.

Oltre che per i lavoratori autonomi con partita IVA, Nannicini prospetta novità anche per chi lavora con contratto a progetto. Da gennaio 2017, i collaboratori a progetto dovrebbero passare alla gestione Inps ordinaria accumulando, negli anni, una condizione simile a quella dei lavoratori dipendenti. Per esempio, dopo un licenziamento potranno fruire della Naspi – disoccupazione – per due anni invece di ricevere uno stipendio per sei mesi.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Tirocini linee guida uniformi in tutte le regioni

del 26/01/2013

Via libera alle linee guida sui tirocini. La conferenza stato-regioni, infatti, ha predisposto le no...

L'Istat aumenta il tetto degli stipendi dei manager

del 01/02/2013

È di 302.937 euro la retribuzione spettante per l'anno 2012 al primo presidente della Corte di cassa...

Le retribuzioni si adeguano al costo della vita

del 12/02/2013

Un po' più pesante la busta paga della colf. L'incremento dei minimi salariali dal 1° gennaio 2013 è...