Consulenza o Preventivo Gratuito

Patent box, una nuova circolare chiarisce le modalità applicative

del 18/04/2016
di: Redazione
Patent box, una nuova circolare chiarisce le modalità applicative

Il know-how ha valore economico? Sì, ma per stabilirne l’entità è necessaria una dichiarazione di atto notorio che attesti anche l’adozione delle misure di sicurezza necessarie a garantirne la segretezza e il diritto d’autore.

 

È quanto inserito nella circolare 11/E dell’Agenzia delle Entrate, emanata lo scorso 7 aprile, in merito alla procedura di ruling. La dichiarazione del notaio, però, non è sufficiente per accedere al patent box, in quanto l’unicità brevettuale dev’essere accertata dall’intera documentazione prodotta, e non soltanto dall’atto. La circolare chiarisce anche quali siano i parametri per identificare i software coperti da copyright: si tratta di programmi per elaboratore, espressi in qualsiasi forma purché originali, provenienti da creazione intellettuale dell’autore.

 

Il regime di patent box, secondo quanto stabilito dall’Agenzia delle Entrate, si applica anche a modelli e disegni non registrati o in corso di registrazione, oltre che a disegni industriali che presentino di per sé carattere creativo e valore artistico. Infine, la circolare dell’Agenzia invita a fornire i riferimenti alle banche dati pubbliche, in modo che sia possibile attingere informazioni sullo stato di concessioni di brevetti, modelli, disegni e marchi.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Marchi e brevetti online

del 02/02/2015

Annuncia ItaliaOggi che dal 2 febbraio le imprese che vogliono accedere alle agevolazioni di marchie...

Pasta contraffatta, tribunale tedesco blocca la vendita

del 06/11/2015

Il tribunale di Colonia ha inibito la vendita di due tipologie di pasta, provenienti da Egitto e Dub...

Brevetti, via libera alla rivalutazione

del 20/01/2016

La nuova riapertura della rivalutazione dei beni porta con sé una buona notizia: come confermato in...