Consulenza o Preventivo Gratuito

Italia, è boom di richieste di brevetti

del 05/04/2016
di: Redazione
Italia, è boom di richieste di brevetti

L’Epo – European Patent Office – ha certificato nei giorni scorsi una buona notizia: il numero di richieste di brevetti presentato in Italia è ai massimi da 10 anni a questa parte. Un periodo di tempo in cui, sul nostro paese, si è abbattuta la più grave crisi economica e finanziaria del dopo guerra con un tracollo, in particolare, di quel settore manifatturiero da sempre prolifico nella creazione e registrazione di nuovi dispositivi.

 

Ora, finalmente, un passo in avanti deciso, un +9% rispetto al 2014 che rende l’Italia il paese dell’area Epo che ha avuto l’incremento più alto, la media è un +4,8%. Certo, non va dimenticato che il nostro paese è ancora indietro rispetto ai “colleghi” europei: basta pensare che, nonostante il boom, l’Italia è risalita di una posizione tra i paesi che registrano più brevetti, passando dall’undicesimo al decimo posto.

 

Va ancora peggio se si conta il numero di richieste di registrazione per milione di abitanti: primeggia la Svizzera (873 domande), seguita dall’Olanda (419) e dalla Svezia. L’Italia è diciottesima con 64 richieste ogni milione di abitanti. Le tipologie di imprese che hanno richiesto il maggior numero di registrazioni sono quella medicale, quella relativa a motori, pompe e turbine e la farmaceutica. A livello di aziende, Indesit e Fca svettano sulle altre. La prima ha registrato 107 richieste, mentre Fiat 84. Al terzo posto StMicroelectronics (58).

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Marchi e brevetti online

del 02/02/2015

Annuncia ItaliaOggi che dal 2 febbraio le imprese che vogliono accedere alle agevolazioni di marchie...

Pasta contraffatta, tribunale tedesco blocca la vendita

del 06/11/2015

Il tribunale di Colonia ha inibito la vendita di due tipologie di pasta, provenienti da Egitto e Dub...

Brevetti, via libera alla rivalutazione

del 20/01/2016

La nuova riapertura della rivalutazione dei beni porta con sé una buona notizia: come confermato in...