Consulenza o Preventivo Gratuito

Mutui, l’inadempienza scatta dopo 19 mensilità

del 25/03/2016
di: Redazione
Mutui, l’inadempienza scatta dopo 19 mensilità

Dopo le polemiche delle scorse settimane, arrivano parziali modifiche al decreto sui mutui ipotecari. Le nuove disposizioni sanciscono che il mutuatario può essere definito inadempiente solo dopo 19 rate non versate. L’immobile, inoltre, non sarà automaticamente messo sul mercato, ma potrà essere posto in vendita solo dopo che il debitore avrà sottoscritto un atto di disposizione nei confronti della banca.

 

L’istituto di credito, con la stipula del contratto, si impegna a rivolgersi a un soggetto terzo per la vendita dell’immobile, che dovrà effettuare una valutazione della casa. Inoltre, questa disposizione non potrà essere applicata ai contratti in essere, anche in caso di surroga. Infine, è stata sancita l’applicazione del cosiddetto patto marciano, ovvero che, in caso di vendita, la differenza tra l’importo finale e il credito vantato dalla banca dovrà andare al debitore. La disposizione di modifica al decreto sui mutui ipotecari è stata firmata da Michele Pelillo e Giovanni Sanga, entrambi parlamentari del Pd. Non va dimenticato, infine, che questo decreto nasce con il recepimento di una direttiva europea, la 2014/17/Ue.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Casse edili, riforma urgente per migliorare le condizioni

del 23/01/2013

Riformare il sistema delle casse edili per migliorare le condizioni salariali dei lavoratori e favor...

Casa, requisiti per uno ma benefici fiscali per due

del 07/02/2013

In caso di comunione legale dei beni, i benefici fiscali connessi con l'acquisto della prima casa sp...

Compravendite immobiliari, fisco in allerta

del 22/02/2013

La Cassazione entra a gamba tesa sulle rettifiche fiscali sulle compravendite immobiliari. Negli avv...