Consulenza o Preventivo Gratuito

Casa al coniuge? Solo se è la residenza familiare

del 30/11/2015
di: Redazione
Casa al coniuge? Solo se è la residenza familiare

Il coniuge convivente con il minore non può accampare nessuna pretesa sulla casa se questa non è stata formalmente riconosciuta come abitazione familiare. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 22581/2015, dopo il ricorso fatto da una donna contro la sentenza d’Appello. La persona in questione aveva provato a ribaltare la sentenza di secondo grado in cui le era stata negata la possibilità di ottenere la casa dell’ex coniuge.

 

Brevemente la vicenda: l’ormai ex coppia aveva scelto un nuovo immobile in cui vivere ma, alla vigilia del trasferimento nella nuova casa, il marito si era impossessato delle chiavi e aveva abbandonato la famiglia. La moglie aveva chiesto che la dimora le venisse assegnata come abitazione per lei e il figlio minore, ma la corte d’Appello prima e la Cassazione poi hanno ribadito che “l’assegnazione delle casa familiare prevista dall’articolo 155-quater del codice civile, rispondendo all’esigenza di conservare l’habitat domestico, inteso come il centro degli affetti, degli interessi e delle consuetudini in cui si esprime e si articola la vita familiare, è consentita unicamente con riguardo a quell’immobile che abbia costituito il centro di aggregazione della famiglia durante la convivenza, con esclusione di ogni altro immobile”. 

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Più alti gli assegni del 2013 alle famiglie bisognose

del 22/02/2013

Rivalutate le prestazioni assistenziali dei comuni a favore delle famiglie in condizioni economiche...

Assegni familiari, cambiano i redditi

del 24/05/2013

Aumentano del 3% i limiti di reddito utili per incassare l'assegno per il nucleo familiare. Le tabel...

Costo dei figli? Agevolazioni sotto il 10%

del 24/05/2013

Le agevolazioni fiscali per i genitori con figli a carico coprono meno del 10% dei costi sostenuti....