Consulenza o Preventivo Gratuito

Telefonia, la deducibilità è estesa

del 25/03/2010
di: di Federico Gavioli
Telefonia, la deducibilità è estesa
La Finanziaria 2007 (legge n. 296/2006) ha modificato la deducibilità fiscale relativa ai costi di acquisto e di gestione relativi ad apparecchiature terminali per servizio di comunicazione elettronica a uso pubblico, sia per le imprese, sia per i professionisti. La versione attuale dell'articolo 102, comma 9, del dpr 917/86, prevede che le quote di ammortamento, i canoni di locazione anche finanziaria o di noleggio e le spese di impiego e manutenzione relativi alle spese telefoniche sono deducibili nella misura dell'80%. Con la risoluzione 17 maggio 2007, n. 104/E, l'Agenzia delle entrate in riferimento alla deducibilità della telefonia, ha chiarito che vi rientrano in tale concetto tutti i servizi di comunicazione e, dunque, anche i servizi afferenti le diverse tipologie di linee di collegamento telefonico; sono compresi nell'ambito applicativo della disposizione in esame, oltre ai costi dei servizi telefonici, anche i costi (ammortamenti, canoni di locazione anche finanziaria e di noleggio, spese di impiego e manutenzione) relativi a beni (materiali e immateriali, ivi compreso il software), utilizzati per la connessione telefonica operata nell'ambito dell'attività imprenditoriale ovvero artistica o professionale, limitatamente a quelli indispensabili per il collegamento alle linee telefoniche. Secondo l'orientamento delle Entrate rientrano nell'ambito applicativo della norma in esame le spese sostenute per l'acquisto del modem ovvero del router Adsl; i costi relativi al personal computer devono essere dedotti secondo i criteri generali che sovrintendono alla formazione del reddito d'impresa o professionale. Con le risoluzioni n. 320/E del 24 luglio 2008 e n. 162/E del 18 giugno 2009, l'Amministrazione finanziaria ha invece tratteggiato i requisiti che devono ricorrere al fine di considerare le spese per la telefonia come integralmente deducibili nella determinazione del reddito di impresa; nella sostanza, le posizioni espresse con tali documenti di prassi dall'Amministrazione finanziaria non rappresentano che il recepimento di quanto sostenuto nella Norma di comportamento n. 175 messa a punto dall'Associazione italiana dei dottori commercialisti nel marzo 2009, nella quale si sostiene l'integrale deducibilità dei costi qualora le apparecchiature o i servizi di trasmissione non possano neanche potenzialmente, per le loro caratteristiche tecniche o vincolo di sistema, essere utilizzati per finalità diverse da quelle strettamente aziendali o professionali. La circolare 47/E del 18 giugno 2008 dell'Agenzia delle entrate ha definitivamente confermato una risoluzione della Direzione regionale del Veneto (protocollo n. 907 34177/2004), prevedendo che devono essere ricondotte nell'ambito delle spese deducibili anche quelle sostenute per l'acquisto delle ricariche telefoniche ovvero delle schede prepagate trattandosi di costi relativi all'impiego dei servizi telefonici.

Ai fini dell'Iva la Finanziaria 2008 (legge 244/2007) ha modificato la disciplina Iva relativa alla detrazione assolta sull'acquisto, sull'importazione e il noleggio di telefoni cellulari per i servizi di telefonia mobile. L'Iva sulla telefonia mobile è divenuta, pertanto, interamente deducibile a patto che il bene sia utilizzato unicamente per l'attività di impresa o di lavoro autonomo. Ai fini dell'Iva, quindi, sia telefonia mobile, sia telefonia fissa sono deducibili al cento per cento se ricorrono le condizioni di esclusività dell'utilizzo per l'attività imprenditoriale o professionale. In caso di uso promiscuo, sulla base di criteri oggettivi, coerenti con la natura dei beni e servizi acquistati, deve essere determinata la percentuale di indetraibilità riferibile all'uso personale. L'articolo 1, comma 255, della Finanziaria 2008 prevede che l'A.f., per il periodo 2008-2012, deve fare dei controlli sui contribuenti che hanno detratto in misura superiore al 50% del relativo ammontare, l'imposta afferente agli acquisti e alle relative prestazioni di gestione dei telefonini.

vota