Consulenza o Preventivo Gratuito

Omessa autofatturazione, la sanzione è soft

del 19/06/2013
di: Giovanni Musso
Omessa autofatturazione, la sanzione è soft
Per l'omessa autofatturazione di prestazione di servizi ricevuti dall'estero la sanzione è del 3%: la violazione commessa, infatti, non ha natura sostanziale. Lo ha deciso la Ctr Lombardia con sentenza 43/05/2013. Il contenzioso riguarda l'omessa autofatturazione per prestazioni ricevute da un soggetto non residente, a cui l'ufficio ha applicato la sanzione pari al 100% dell'imposta. Poiché il contribuente non aveva cause di limitazione alla detrazione dell'Iva, la mancata osservanza di emissione dell'autofattura e duplice registrazione sia nel registro vendite sia in quello degli acquisti non faceva sorgere alcun debito di imposta e quindi nessuna evasione. A parere dell'ufficio, malgrado ciò, la mancata emissione dell'autofattura non è da considerarsi una violazione formale, ma sostanziale e come tale vi si applica una sanzione pari al 100% dell'Iva non autofatturata.

Il contribuente ha sostenuto che la violazione è di natura formale in quanto non si registra alcun danno per l'erario e ha chiesto l'applicazione della sanzione più favorevole del 3%, secondo quanto previsto dall'art. 6 comma 9 bis del dlgs 471/97.

La Ctr, accolto quanto richiesto dal contribuente e confermata la decisione dei giudici di primo grado, ha affermato che «la violazione non ha natura sostanziale, ma formale, l'inosservanza da parte del contribuente delle formalità prescritte dalla normativa nazionale, ossia l'obbligo di emettere autofattura, non può privarlo del diritto di detrazione e tale diritto previsto dall'art. 17 della sesta direttiva costituisce parte integrante del meccanismo dell'Iva e in linea di principio non può essere soggetto a limitazioni, in relazione al principio di neutralità fiscale».

Chiaro il riferimento al principio di proporzionalità sancito dal diritto comunitario: una sanzione non deve essere sproporzionata rispetto alla gravità dell'infrazione e tale da costituire un ostacolo alle libertà fondamentali previste nel trattato Ue. I giudici hanno quindi deciso, poiché non è dovuta alcuna imposta, di applicare la sanzione pari al 3% dell'imposta irregolarmente assolta con un minimo di 258 euro e non oltre 10 mila euro, tenuto conto del favor rei (articolo 3, comma 3, del dlgs 472/1997).

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Cassette sicurezza facilitate senza imposta di registro

del 25/01/2013

Apertura cassette di sicurezza del de cuius senza imposta di registro. Per il verbale che il notaio...

L'elaborazione dei dati fiscali non è attività riservata

del 26/01/2013

L'attività di elaborazione dati ai fini fiscali non è attività riservata. Pertanto, può essere svolt...

Niente esenzione: anche l'esercito può pagare l'Ici

del 30/01/2013

Il ministero della difesa paga l'Ici sugli immobili se non sono più utilizzati per finalità istituzi...