Consulenza o Preventivo Gratuito

Concordato, uno stop agli abusi con l'istanza

del 18/06/2013
di: La Redazione
Concordato, uno stop agli abusi con l'istanza
Stop agli abusi del preconcordato. Oggi basta l'istanza e si bloccano le iniziative dei creditori (anche se magari si rinvia solo il fallimento). Il dl Fare obbliga ad allegare all'istanza l'elenco dei creditori e riconosce al tribunale il potere di anticipare la nomina del commissario giudiziale: vanno ridotti al minimo i costi della procedura. Per allontanare i malintenzionati, il decreto prevede l'immediata caducazione degli effetti positivi per il debitore (moratoria dei debiti), nel caso in cui il tribunale accerti, anche attraverso la segnalazione del commissario giudiziale (quando nominato), che il debitore ha danneggiato i propri creditori. Un provvedimento, questo, che è l'anticamera del fallimento. Il debitore sarà costantemente controllato e dovrà depositare, almeno una volta al mese, una situazione finanziaria aggiornata dell'impresa: anche qui lo scopo è di evitare pregiudizi a danno dei creditori. Dall'inosservanza delle prescrizioni discende l'inammissibilità della domanda e quindi il possibile fallimento. Possibile pure che il tribunale acceleri i tempi per ottenere rapidamente la proposta di piano e decidere se proseguire o meno con il concordato.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Concordato, la fattibilità decisa dai creditori

del 24/01/2013

Per la Corte di cassazione la fattibilità del concordato spetta ai soli creditori, in quanto diretti...

Facilitata l'erogazione di aiuti alle aziende agricole

del 24/01/2013

Esenzione dal greening dei pagamenti diretti delle aziende di dimensioni inferiori a dieci ettari e...

Polizze agricole assicurative a largo raggio

del 25/01/2013

Via libera al piano assicurativo agricolo 2013. Ad approvarlo, ieri, la Conferenza stato-regioni, ch...