Consulenza o Preventivo Gratuito

Più finanziamenti per internazionalizzare le imprese

del 15/06/2013
di: La Redazione
Più finanziamenti per internazionalizzare le imprese
Aumentano le risorse del «fondo per la promozione degli scambi e l'internazionalizzazione delle imprese» , si ampliano i finanziamenti agevolati per le imprese italiane che creano joint venture con i paesi in via di sviluppo e nasce un apposito fondo di garanzia. Sono le principali novità in tema di internazionalizzazione presenti nel pacchetto semplificazioni oggi al vaglio del Consiglio dei ministri.

Più risorse a favore dell'internazionalizzazione delle imprese. Il Pacchetto semplificazioni ha incrementato le risorse disponibili al fine di potenziare l'azione in favore dell'internazionalizzazione delle imprese italiane e la promozione dell'immagine del prodotto italiano nel mondo. Per questo, le risorse del «Fondo per la promozione degli scambi e l'internazionalizzazione delle imprese» iscritte nel bilancio del ministero dello sviluppo economico vengono incrementate di 50 milioni di euro, 25 milioni di euro in più per ciascuno degli anni 2014 e 2015. Sempre per lo stesso scopo, le risorse destinate al funzionamento dell'Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane - Ice iscritte nel bilancio del ministero dello sviluppo economico sono incrementate di 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014 e 2015.

Aiuti per progetti di cooperazione dell'Italia con i paesi in via di sviluppo . Saranno finanziati i progetti che prevedono una partnership pubblico privata. Sono inoltre previsti finanziamenti agevolati e un nuovo fondo di garanzia per supportare le imprese italiane che partecipano nel capitale di società miste, nei paesi in via di sviluppo. Queste sono le principali novità relative agli aiuti per progetti di cooperazione dell'Italia con i paesi in via di sviluppo di cui alla legge 26 febbraio 1987 n. 49. Si tratta di uno strumento che il governo italiano ha messo a disposizione delle imprese italiane per realizzare progetti nei paesi in via di sviluppo per alleviarne il livello di povertà. Tramite un fondo rotativo istituito presso il Mediocredito centrale si prevede di erogare crediti a tasso agevolato alle imprese italiane, per assicurare loro il finanziamento della quota di capitale di rischio, anche in forma anticipata, per la costituzione di imprese miste nei paesi in via di sviluppo. Potranno essere concessi crediti agevolati anche a investitori pubblici o privati o a organizzazioni internazionali, affinché finanzino imprese miste da realizzarsi in paesi in via di sviluppo o concedano altre forme di agevolazione identificate dal Cipe che promuovano lo sviluppo dei paesi beneficiari. Una quota del Fondo di rotazione potrà essere destinata anche alla costituzione di un Fondo di garanzia per prestiti concessi dagli istituti di credito a imprese italiane o per agevolare gli apporti di capitale dalle imprese italiane nelle imprese miste.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Facilitata l'erogazione di aiuti alle aziende agricole

del 24/01/2013

Esenzione dal greening dei pagamenti diretti delle aziende di dimensioni inferiori a dieci ettari e...

Polizze agricole assicurative a largo raggio

del 25/01/2013

Via libera al piano assicurativo agricolo 2013. Ad approvarlo, ieri, la Conferenza stato-regioni, ch...

Imprese verdi, ecco pronti fondi per 460 milioni

del 26/01/2013

Diventa operativo un nuovo canale di finanziamento a tasso agevolato a sostegno delle imprese che op...