Consulenza o Preventivo Gratuito

Semplificare le procedure di lavoro è possibile

del 04/06/2013
di: La Redazione
Semplificare le procedure di lavoro è possibile
Semplificare le procedure amministrative in materia di lavoro è certamente un passaggio fondamentale per modernizzare quello che certamente è il segmento più centrale della nostra economia. Una profonda azione di semplificazione è infatti necessaria per dare agli operatori economici la possibilità di confrontarsi con un sistema normativo più adatto alla competitività che il mercato globale richiede. Non si può peraltro nascondere che proprio dai troppi vincoli burocratici, molte volte inutili e sterili, scaturiscono dei costi indiretti per gli imprenditori. Sprigionare queste risorse facendole volgere verso lo sviluppo è di fatto uno dei fattori che possono avviare quel circuito virtuoso da cui scaturisce l'occupazione. Ma tutto il processo di necessaria semplificazione non può prescindere da un livello opportuno di sicurezza per i prestatori d'opera, i diritti dei quali non possono essere elusi in nome di una semplificazione non controllata. Ciononostante, ipotizzare un modello di sicurezza dei luoghi di lavoro più adatto alle micro e piccole imprese è necessario in quanto quello attuale appare ideato per grandi realtà industriali. Con questi presupposti e con un'ottica mirata allo sviluppo delle nostre pmi, i consulenti del lavoro hanno elaborato una serie di proposte di modifica della normativa vigente che se introdotte nel nostro ordinamento porterebbero assoluto beneficio alla nostra economia pur garantendo il rispetto della normativa e la salvaguardia della sicurezza dei lavoratori. Il riferimento non può che essere all'iter di rilascio del Durc, alla documentazione della Cassa Edile, all'abrogazione del registro infortuni, alla totale revisione delle procedure sulla sicurezza. Nei giorni scorsi in materia di eliminazione di adempimenti inutili e razionalizzazione delle risorse la presidente Marina Calderone ha incontrato il ministro del Lavoro Enrico Giovannini, nonché il sottosegretario con delega alla Semplificazione Iole Santelli. Inoltre, è stata audita alla Commissione attività produttive della Camera, dove ha presentato le proposte dei consulenti del lavoro per rendere più semplice il rapporto con la burocrazia. Subito dopo la riduzione del costo del lavoro, quello della semplificazione è il tema più urgente in quanto crea vere e proprie sacche di risparmio per gli imprenditori a cui vengono ridotti gli adempimenti; ma anche per lo Stato diventa un vantaggio in quanto gli uffici recuperano risorse umane e materiali. Dunque, ora le proposte ci sono; la volontà politica pure. Non resta altro che attendere nei prossimi giorni l'emanazione del decreto al quale stanno lavorando numerosi ministeri.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Quote rosa al via nella pubblica amministrazione

del 24/01/2013

Al via le quote rosa nei consigli di amministrazione e nei collegi di revisione delle partecipate pu...

Nei fondi bilaterali gli enti costituiti e operativi

del 25/01/2013

I fondi di solidarietà bilaterali, finalizzati a tutelare l'integrazione salariale nei settori non c...

Tirocini linee guida uniformi in tutte le regioni

del 26/01/2013

Via libera alle linee guida sui tirocini. La conferenza stato-regioni, infatti, ha predisposto le no...