Consulenza o Preventivo Gratuito

Il farmacista può vendere alimenti

del 28/05/2013
di: di Marilisa Bombi
Il farmacista può vendere alimenti
Chi lavora in farmacia matura il requisito professionale per svolgere l'attività di vendita nel settore alimentare o la somministrazione di alimenti e bevande. Lo ha chiarito con la risoluzione n. 74772 del 6 maggio 2013, il ministero dello sviluppo economico, Dipartimento per l'internazionalizzazione, Direzione generale per il mercato. La competente IV Divisione, tuttavia, ha anche precisato che la qualificazione prescritta dall'art. 71 del dlgs 59/2010 può essere riconosciuta a condizione che il soggetto abbia effettivamente svolto mansioni che abbiano avuto attinenza con la vendita dei prodotti alimentari preconfezionati, nel senso che la farmacia oltre a trattare farmaci deve anche essere stata autorizzata a commercializzare i prodotti inseriti nella tabella speciale per le farmacie. Solo in questo caso, infatti, si può considerare la farmacia un esercizio di vendita rientrante nella disciplina prevista dal dlgs 114/1998, dal quale ne sarebbe invece esclusa qualora fossero posti in vendita soltanto medicinali e affini. La risposta è stata fornita a una regione la quale chiedeva se un soggetto che ha svolto l'attività di vendita di cosmetici, integratori, alimenti per l'infanzia e dietetici presso una farmacia in qualità di coadiutore di farmacia e inquadrato al III livello del contratto per i dipendenti da farmacia privata negli ultimi dieci anni, possa o meno considerarsi in possesso della qualificazione professionale per l'avvio e l'esercizio dell'attività al dettaglio e la somministrazione. La risposta è stata affermativa in quanto al terzo livello appartengono quei lavoratori che esplicano funzioni di concetto che comportano particolari conoscenze tecniche ed adeguata esperienza. Il coadiutore di farmacia, in sostanza, è colui il quale svolge funzioni di raccordo tra il personale di concetto e d'ordine e ha la responsabilità, ivi compresi i relativi adempimenti amministrativi, di particolari autonomi reparti di vendita di prodotti parafarmaceutici.

© Riproduzione riservata

vota