Consulenza o Preventivo Gratuito

Limiti sale giochi: la competenza non è dei comuni

del 04/05/2013
di: di Marilisa Bombi
Limiti sale giochi: la competenza non è dei comuni
Nessuna possibilità per i comuni di porre limiti all'apertura delle sale giochi, nemmeno di carattere urbanistico. Ciò in quanto la competenza statale legislativamente stabilita, esclude che pari competenza possa essere esercitata dal comune. È quanto ha sancito il Tar Veneto, con le sentenze 609 e 610 depositate il 22 aprile 2013 disponendo l'annullamento dei provvedimenti adottati dal comune di Vicenza. Tale ente, attraverso uno specifico regolamento per le sale giochi e le norme tecniche di Prg aveva cercato di porre un freno all'apertura di nuove sale giochi, prevedendo un limite di distanza tra le stesse con i luoghi cosiddetti sensibili. Tutto ciò, al fine di contenere il preoccupante aumento della ludopatia. Ma, secondo il tribunale lagunare, dalle più recenti disposizioni statali si ricava il principio che gli strumenti pianificatori di contrasto alla ludopatia devono essere stabiliti a livello nazionale o comunque essere inseriti nel sistema della pianificazione nazionale.
vota