Consulenza o Preventivo Gratuito

Non è truffa non versare l'indennità di malattia

del 30/04/2013
di: Debora Alberici
Non è truffa non versare l'indennità di malattia
Non commette truffa, ma al massimo un'appropriazione indebita, l'imprenditore che omette di versare l'indennità di malattia al lavoratore e tuttavia denuncia la sua posizione debitoria con l'Inps nel DM10.

È quanto affermato dalla Corte di cassazione con la sentenza n. 18762 del 29 aprile 2013.

Dunque, la seconda sezione penale ha respinto il ricorso presentato dalla Procura di Cagliari che chiedeva l'annullamento dell'assoluzione pronunciata dalla Corte d'Appello in favore di un imprenditore che non aveva anticipato a un suo di pendente l'indennità di malattia e gli assegni familiari.

Allorché il datore di lavoro, spiegano i Supremi giudici in sentenza, si limiti a esporre dati e notizie false in sede di denunce obbligatorie, è configurabile il reato di cui all'art. 37 della legge 24 novembre 1981 n. 689 (qualora dal fatto derivi un'evasione contributiva per un importo mensile superiore a 5.000.000 di lire) e non il diverso reato di truffa, per il quale oltre alle false dichiarazioni devono sussistere artifici e/o raggiri di altra natura. Questi raggiri, inoltre, potrebbero ravvisarsi ove all'Inps fosse simulata la situazione all'origine del debito portato a conguaglio.

Qualora, invece, la discordanza tra la situazione rappresentata all'Inps e quella reale riguardi solo l'effettiva erogazione di somme che l'ente previdenziale è tenuto a corrispondere al lavoratore tramite il datare e quest'ultimo sostanzialmente riconosca il suo obbligo di corrisponderle (pur non avendole di fatto, ancora, corrisposte) nei confronti dell'ente previdenziale, il datore di lavoro sicuramente realizza o, quanto meno, pone in essere atti idonei a realizzare l'ingiusto profitto del conguaglio delle prestazioni che assume di aver anticipato ma non determina alcun danno. Il lavoratore, infatti, non potrebbe che rivolgersi all'impresa per ottenere quanto gli spetta avendo l'ente previdenziale, attraverso il conguaglio, adempiuto il suo obbligo. Sotto questo profilo il reato di truffa non sussiste.

Di diverso avviso la Procura generale del Palazzaccio che, nell'udienza del 15 gennaio scorso, ha chiesto al Collegio di legittimità di aderire alla tesi della pubblica accusa e di annullare l'assoluzione.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Casse di previdenza: salvi i professionisti esodati

del 25/01/2013

Salvo il professionista esodato che risulti versare un minimo alla cassa di previdenza per conservar...

Per il Durc non è rilevante la posizione dei soci

del 25/01/2013

La posizione dei soci non rileva (e non deve essere oggetto di verifica) al fine del rilascio del Du...

Tirocini linee guida uniformi in tutte le regioni

del 26/01/2013

Via libera alle linee guida sui tirocini. La conferenza stato-regioni, infatti, ha predisposto le no...