Consulenza o Preventivo Gratuito

Mutui prima casa, riparte il fondo di solidarietà

del 27/04/2013
di: Simona D'Alessio
Mutui prima casa, riparte il fondo di solidarietà
Riparte il fondo di solidarietà per i mutui per l'acquisto della prima casa. È nuovamente operativa da oggi, infatti, l'iniziativa del ministero dell'economia che permette la sospensione, fino a 18 mesi, del pagamento dell'intera rata del prestito per comprare l'abitazione principale. E da lunedì 29 aprile sarà possibile presentare gli appositi moduli di richiesta in banca o all'intermediario finanziario cui ci si è rivolti, scaricandoli da www.mef.gov.it e www.consap.it. Il Fondo, attivo dalla fine del 2010 (legge 244/2007) è stato rifinanziato con 20 milioni di euro dal decreto «Salva-Italia» (legge 214/2011) ed è stato pensato per sostenere i costi relativi agli interessi maturati sul debito residuo, durante il periodo del congelamento della quota; in tal modo, viene corrisposto agli istituti di credito il tasso di interesse applicato al mutuo, con esclusione della componente di «spread» (l'ormai noto differenziale di rendimento fra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi a 10 anni, ndr). Dalla sua istituzione, il piano ha consentito di «congelare» le rate di circa 6 mila mutui.

Ma quali sono i criteri per accedere all'opportunità? Innanzitutto, lo «stop» al versamento non può essere richiesto se vi sia stato «un ritardo nei pagamenti superiore a 90 giorni consecutivi al momento della presentazione della domanda da parte del mutuatario, ovvero per i quali sia intervenuta la decadenza dal beneficio del termine o la risoluzione del contratto stesso, anche tramite notifica dell'atto di precetto, o sia stata avviata da terzi una procedura esecutiva sull'immobile ipotecato», si è esclusi, poi, se si usufruisce già di forme di agevolazioni pubbliche, e in presenza di «un'assicurazione a copertura del rischio che si verifichino gli eventi di cui sopra (del primo criterio indicato dal Mef, ndr), purché garantisca il rimborso almeno degli importi delle rate oggetto della sospensione, e sia efficace nel periodo di sospensione stesso».

Il via libera arriva per mutui non oltre 250 mila euro in ammortamento da almeno un anno, il cui titolare abbia un indicatore della situazione economica equivalente (Isee) non superiore a 30 mila ed è legato «al verificarsi di almeno uno dei seguenti eventi» relativi al mutuatario, successivamente alla stipula del contratto», nei tre anni antecedenti la richiesta: «Cessazione del rapporto di lavoro subordinato, ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di risoluzione per limiti di età con diritto a pensione di vecchiaia o di anzianità, di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, di dimissioni del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione», poi «cessazione dei rapporti di lavoro di cui all'art. 409, numero 3, del codice di procedura civile, ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di recesso datoriale per giusta causa, di recesso del lavoratore non per giusta causa, con attualità dello stato di disoccupazione», infine morte o riconoscimento di handicap grave (invalidità civile non inferiore all'80%).

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Casse edili, riforma urgente per migliorare le condizioni

del 23/01/2013

Riformare il sistema delle casse edili per migliorare le condizioni salariali dei lavoratori e favor...

Casa, requisiti per uno ma benefici fiscali per due

del 07/02/2013

In caso di comunione legale dei beni, i benefici fiscali connessi con l'acquisto della prima casa sp...

Compravendite immobiliari, fisco in allerta

del 22/02/2013

La Cassazione entra a gamba tesa sulle rettifiche fiscali sulle compravendite immobiliari. Negli avv...