Consulenza o Preventivo Gratuito

Cessazione attività, rimborso credito Iva in 10 anni

del 23/04/2013
di: Roberto Rosati
Cessazione attività, rimborso credito Iva in 10 anni
In caso di cessazione dell'attività, il rimborso del credito Iva risultante dalla dichiarazione annuale, che non sia stato chiesto attraverso la compilazione dell'apposito quadro, può essere richiesto dal contribuente con istanza da presentare entro il termine ordinario di prescrizione decennale. È quanto stabilisce la sentenza n. 7721 del 27 marzo 2013 della Corte di cassazione, che ha respinto il ricorso con il quale l'amministrazione finanziaria, impugnando la decisione della commissione tributaria regionale di Torino, aveva sostenuto l'intervenuta decadenza del diritto del contribuente per decorso del termine di decadenza biennale previsto dall'art. 21 del dlgs n. 546/92, motivazione già assunta a base del rigetto dell'istanza presentata dall'interessato. Nel quadro dell'altalenante giurisprudenza, sia di merito sia di legittimità, sulla questione del rimborso Iva del credito risultante dalla dichiarazione, ma non richiesto in modo rituale (all'epoca, compilazione del modello VR), la sentenza in commento rafforza quindi l'indirizzo favorevole ai contribuenti, che sembra decisamente prevalere nelle più recenti pronunce (con buona pace, purtroppo, dei molti contribuenti che sono incappati nel filone contrario e si sono visti negare il credito). La Corte, in particolare, ha dichiarato infondato il ricorso del fisco basandosi sui seguenti principi affermati in precedenza dal giudice di vertice:

in tema di Iva, l'art. 30 del dpr 633/72, nel disciplinare il diritto del contribuente al rimborso dell'eccedenza d'imposta a credito nell'ipotesi di cessazione dell'attività, pur facendo riferimento alla dichiarazione presentata dal contribuente, non subordina l'esercizio di tale diritto al rispetto di particolari adempimenti formali (sentenza n. 13920/2011); in secondo luogo, la richiesta di rimborso relativa all'eccedenza a credito emergente a seguito della cessazione dell'attività, essendo disciplinata, appunto, dal citato art. 30, è soggetta al termine di prescrizione ordinario decennale, essendo il più breve termine biennale (di decadenza) previsto dall'art. 21 del dlgs n. 546/92 applicabile soltanto in via residuale, in mancanza di disposizioni specifiche. La circostanza che l'attività del contribuente non prosegue, infatti, è tale da precludere la possibilità alternativa, contemplata dal citato art. 30, di riportare il credito d'imposta a nuovo nel periodo successivo (sentenza 9794/2010).

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Cassette sicurezza facilitate senza imposta di registro

del 25/01/2013

Apertura cassette di sicurezza del de cuius senza imposta di registro. Per il verbale che il notaio...

L'elaborazione dei dati fiscali non è attività riservata

del 26/01/2013

L'attività di elaborazione dati ai fini fiscali non è attività riservata. Pertanto, può essere svolt...

Niente esenzione: anche l'esercito può pagare l'Ici

del 30/01/2013

Il ministero della difesa paga l'Ici sugli immobili se non sono più utilizzati per finalità istituzi...