Consulenza o Preventivo Gratuito

Sequestro: frodi carosello confisca più limitata

del 18/04/2013
di: Debora Alberici
Sequestro: frodi carosello confisca più limitata
Confisca più contenuta nella frode carosello. Infatti il sequestro per equivalente è illegittimo se non è proporzionato al debito con il fisco e soprattutto non può essere fatto sui beni intestati alla cartiera. Di più. Il giudice competente è quello del luogo in cui è avvenuto il primo atto illecito e non quello del domicilio fiscale del contribuente.

Lo ha sancito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 17610 del 17 aprile 2013, ha accolto il ricorso di un manager accusato di associazione per delinquere nell'ambito di una maxi inchiesta per frode carosello.

In particolare ad avviso della terza sezione penale, è illegittimo, in ipotesi di reato tributario commesso da amministratore di srl, il sequestro per equivalente che abbia ad oggetto beni appartenenti alla società medesima, stante, in ragione della natura di sanzione penale di detta confisca, l'inapplicabilità della stessa nei confronti di un soggetto diverso dall'autore del fatto, salvo che la struttura societaria rappresenti un apparato fittizio utilizzato dal reo proprio per porre in essere reati di frode fiscale sicché ogni cosa fittiziamente intestata alla società sia immediatamente riconducibile alla disponibilità dell'autore del reato.

Fra l'altro, hanno sancito i Supremi giudici, è illegittimo il provvedimento del tribunale del riesame che, nel confermare un sequestro preventivo funzionale alla confisca per equivalente, non contenga alcuna valutazione sul valore dei beni sequestrati, necessaria al fine di verificare il rispetto del principio di proporzionalità tra il credito garantito e il patrimonio assoggettato a vincolo cautelare, non essendo consentito differire l'adempimento estimatorio alla fase esecutiva della confisca. Sul fronte della competenza Piazza Cavour ha invece respinto la tesi della difesa chiarendo che secondo l'art. 18 del dlgs 74 del 2000, se la competenza per territorio non può essere determinata a norma dell'art. 8 c.p.p. è competente il giudice del luogo di accertamento del reato. Tale disposizione trova eccezione nel successivo comma, che prevede il criterio del domicilio fiscale del contribuente, per i delitti previsti dal capo I del titolo II dello stesso decreto legislativo. L'eccezione non trova applicazione in questo caso.

© Riproduzione riservata

vota