Consulenza o Preventivo Gratuito

Stop a 65 anni per i ricercatori non c'è posticipazione

del 17/04/2013
di: di Dario Ferrara
Stop a 65 anni per i ricercatori non c'è posticipazione
Non può approfittare del Salva-Italia per posticipare la pensione a 70 anni il ricercatore universitario che ha superato i 65. Le novità introdotte dal dl 201/11 sui presupposti per il diritto alla quiescenza non travolgono le norme speciali che indicano l'età massima di permanenza in servizio per alcune categorie di dipendenti pubblici: limiti che non sono stati messi in discussione dalla novella, come chiarisce il Tar Emilia-Romagna nella sentenza 201/13.

Limiti invalicabili. Bocciato il ricorso del ricercatore confermato: ha fatto bene l'Ateneo a metterlo a riposo dopo il compimento del sessantacinquesimo anno di età. Troppo semplicistica l'interpretazione proposta, secondo cui la ratio della riforma è il progressivo aumento dell'età anagrafica e dell'anzianità contributiva per accedere alle pensioni di vecchiaia e anticipata mentre la necessaria conseguenza sarebbe l'impossibilità di pregiudicare la volontà del lavoratore di permanere in servizio. In realtà la riforma fa salve le discipline speciali inerenti alcuni settori della pubblica amministrazione diversi dall'Università e chiarisce che restano fermi «i limiti ordinamentali dei rispettivi settori di appartenenza», anche per i dipendenti degli Atenei. Insomma: la circostanza secondo cui risultano mutati i presupposti per conseguire il diritto alla pensione non travolge in modo automatico travolgimento le disposizioni speciali che stabiliscono l'età massima di servizio per alcune categorie di dipendenti pubblici, compresi i ricercatori universitari; si tratta infatti di norme che rispondono a specifiche esigenze dei settori in cui quel personale opera, esigenze che il legislatore ha a suo tempo ritenuto meritevoli di un'autonoma regolamentazione e che con il decreto Salva-Italia non ha voluto modificare. Inutile eccepire disparità di trattamento con altre categorie, sollevando dubbi di legittimità: va riconosciuta la discrezionalità del legislatore. Sul piano costituzionale, concludono i giudici amministrativi, il bene protetto è rappresentato dal conseguimento della pensione al minimo, non gode di analoga protezione il raggiungimento del trattamento pensionistico massimo.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Per metà dei parasubordinati l'assegno è un miraggio

del 29/01/2013

La pensione? Un miraggio per metà dei parasubordinati iscritti alla gestione separata. Lavorano un a...

La bomba dei contributi silenti pronta a esplodere

del 29/01/2013

È sul punto di esplodere la polveriera dei contributi «silenti», versamenti insufficienti per riceve...

Quindicenni, ok alla pensione con i requisiti previsti

del 31/01/2013

Graziate le pensioni quindicenni. Ieri, infatti, il ministero del lavoro ha dato il proprio via libe...