Consulenza o Preventivo Gratuito

Fornero: in arrivo il bonus per l'autoimprenditorialità

del 30/03/2013
di: Daniele Cirioli
Fornero: in arrivo il bonus per l'autoimprenditorialità
In arrivo il bonus per l'autoimprenditorialità. I ministri del lavoro, Elsa Fornero, e dell'economia, Vittorio Grilli, hanno infatti adottato il provvedimento attuativo della riforma del mercato del lavoro che consente a chi beneficia di Aspi o mini Aspi di ottenere la liquidazione anticipata, e in un'unica soluzione, della prestazione in corso di godimento per avviare un'attività di lavoro autonomo o per associarsi in cooperativa. Lo rende noto un comunicato stampa del ministero del lavoro.

Riforma Fornero. L'agevolazione è prevista dalla legge n. 92/2012, la riforma Fornero. Riproponendo l'incentivo già operativo per gli anni 2009-2012 (legge n. 34/2009), all'articolo 2, comma 19, prevede che, in ciascuno degli anni 2013, 2014 e 2015, in via sperimentale, i lavoratori aventi diritto all'Aspi e alla mini Aspi possano richiedere e ottenere la liquidazione degli importi del relativo trattamento, al fine d'intraprendere un'attività di lavoro autonomo ovvero per avviare un'attività in forma di autoimprese o di microimpresa o per associazioni in una cooperativa. Per l'iniziativa la riforma Fornero ha stanziato 20 milioni di euro per ciascuno degli anni interessati all'incentivo.

Pronto il decreto. Un comunicato stampa del ministero del lavoro, ieri, informa che, come previsto dalla riforma, i ministri interessati hanno predisposto il decreto attuativo dell'incentivo a favore dei lavoratori che sono rimasti disoccupati. Il bonus mira ad agevolarli alla loro ricollocazione in un'attività di lavoro autonomo. In particolare, il decreto consente ai beneficiari dell'Aspi e della mini Aspi di chiedere la liquidazione anticipata in un'unica soluzione delle mensilità non ancora percepite, al fine di avviare un'attività di lavoro autonomo o di associarsi in cooperativa ovvero di sviluppare a tempo pieno un'attività autonoma già iniziata durante il rapporto di lavoro dipendente la cui cessazione ha dato luogo all'Aspi o alla mini Aspi. Quest'ultima previsione rappresenta una novità rispetto a quanto è previsto dalla legge di riforma e, praticamente, consentirà di percepire la liquidazione una tantum della prestazione Aspi o mini Aspi anche nell'ipotesi in cui l'attività di lavoro autonomo sia già stata avviata, anche prima della risoluzione del rapporto di lavoro dipendente. Il provvedimento, inoltre, conferma che la misura è adottata in via sperimentale per un triennio, nel limite massimo di 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2013, 2014 e 2015. Il decreto, adesso, dovrà essere registrato dai competenti organi di controllo e poi passare in Gazzetta Ufficiale, al fine di divenire operativo e con esso la nuova misura a favore dell'autoimprenditorialità.

vota