Consulenza o Preventivo Gratuito

Infortuni sul lavoro: gli stranieri sono più a rischio

del 20/03/2013
di: La Redazione
Infortuni sul lavoro: gli stranieri sono più a rischio
I lavoratori stranieri più a rischio degli italiani sul fronte infortuni, anche perché maggiormente impiegati in settori più «pericolosi». In particolare, il rischio di morire sul lavoro per uno straniero è del 50% più alto di quello di un lavoratore italiano. È quanto emerso in un convegno dell'Anmil, l'Associazione nazionale invalidi e mutiltati sul lavoro, che ha presentato il progetto «Cis - Cultura integrazione sicurezza», realizzato insieme all'Unar (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali) e finanziato dal ministero del lavoro. Gli infortuni occorsi ai lavoratori stranieri costituiscono il 15,9% del totale nazionale, ha spiegato l'Anmil, ma il tasso medio di incidenza infortunistica relativo agli immigrati è di circa 40 infortuni per mille occupati contro i 30 infortuni ogni mille occupati degli italiani. Il divario tra le due percentuali è legato in primo luogo al fatto che gli stranieri sono occupati in prevalenza in settori ad alto rischio come l'edilizia, la metallurgia e l'agricoltura, ma un forte ruolo lo giocano anche le difficoltà di comunicazione e comprensione.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
La denuncia dell'infortunio va online dal 1° luglio

del 12/02/2013

Via libera al nuovo modello di denuncia infortunio. Non solo imprese, ma pure i privati cittadini (i...

Prevenzione: infortuni sul lavoro, flessione al 9%

del 28/02/2013

Infortuni sul lavoro in flessione, nel nostro paese: al 31 dicembre 2012, infatti, le denunce di inc...

Sinistri, ora l'Inps drena 67 milioni dalle prestazioni

del 09/03/2013

In Italia, ogni anno, circa 800 mila persone riportano, a causa di incidenti stradali, lesioni più o...