Consulenza o Preventivo Gratuito

Concorrenzialità: Bolzano orari negozi senza limiti

del 16/03/2013
di: di Marilisa Bombi
Concorrenzialità: Bolzano orari negozi senza limiti
Orari liberi e attività commerciali senza limiti nelle zone produttive anche in provincia di Bolzano. Nessuna possibilità, quindi, neanche per le province a statuto speciale di derogare alle scelte nazionali; ciò in quanto ogni eventuale ostacolo sarebbe un limite alla concorrenza, la cui competenza è esclusivamente statale. È quanto ha stabilito la Corte costituzionale con la sentenza n. 38 depositata ieri, 15 febbraio, nel decidere sul ricorso presentato dal governo avverso due articoli della legge della Provincia autonoma di Bolzano n7/2012 in materia di liberalizzazioni per le attività commerciali. In particolare, la legge provinciale aveva previsto la possibilità di insediare attività commerciali che hanno bisogno di ampi spazi anche nelle zone produttive destinate all'insediamento d'imprese industriali, artigianali, di attività di prestazione di servizio e di commercio all'ingrosso per l'esercizio delle rispettive attività aziendali. Si tratterebbe, pertanto, secondo la difesa provinciale, di una tipica norma pro–concorrenziale, mirante ad agevolare peculiari attività commerciali che incontrerebbero, se l'unico insediamento consentito fosse nelle zone residenziali, gravi difficoltà. Ma secondo la Corte costituzionale poiché si tratta di zone già in possesso di una vocazione commerciale, non si giustifica la compressione dell'assetto concorrenziale del mercato, realizzata attraverso la drastica riduzione della possibilità di esercitare in dette aree il commercio al dettaglio, in senso lato, e non soltanto per alcune merceologie specifiche. In sostanza, secondo il Giudice delle leggi, nessuna regione e nessuna provincia, nemmeno quelle autonome, hanno la possibilità di condizionare il libero esplicarsi della libertà imprenditoriale nel settore commerciale. Perché ciò si porrebbe in contrasto con l'art. 31, comma 2, del dl n. 201 del 2011, convertito dalla legge n. 214/2011 norma interposta che lo Stato ha emanato in forza della propria competenza esclusiva.
vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Danno da infiltrazioni d'acqua? diritto al risarcimento

del 30/01/2013

«Il conduttore ha diritto alla tutela risarcitoria nei confronti del terzo che con il proprio compor...

Il latte crudo va dichiarato sulla confezione

del 31/01/2013

Il latte crudo, così come la crema, prima di essere consumati vanno bolliti; la dicitura va riportat...

Colpa lieve, medico innocente se ha seguito l'iter

del 01/02/2013

La depenalizzazione dalla colpa lieve del medico scatta nei processi in corso in base al principio d...