Consulenza o Preventivo Gratuito

Manager: si fa più difficile il blocco ai sensi 231

del 08/03/2013
di: di Debora Alberici
Manager: si fa più difficile il blocco ai sensi 231
Più difficile bloccare la facoltà di contrattare con la pubblica amministrazione delle società responsabili ai sensi della «231». Infatti la misura interdittiva disposta dal giudice non può essere motivata sul richiamo all'ordinanza che ha disposto la custodia cautelare a carico del manager. Il Tribunale dovrà prima accertare i gravi indizi di colpevolezza.

È quanto affermato dalla Corte di cassazione che, con la sentenza n. 10903 del 7 marzo 2013, ha accolto con rinvio il ricorso di una Spa finita nel mirino degli inquirenti nell'ambito di un'inchiesta per corruzione.

Insomma, in caso di misure cautelari a carico di enti sospettati di responsabilità amministrativa ai sensi della «231», la motivazione per relationem dell'atto è soggetta a paletti stringenti.

«Pienamente fondata», hanno spiegato i Supremi giudici, «appare la doglianza presentata dalla difesa della società relativa al radicale difetto di motivazione dell'ordinanza cautelare, rimasto non sanato in appello, in ordine alle contestazioni sollevate a proposito della sussistenza dei gravi indizi dei fatti di reato costituenti il presupposto del contestato illecito amministrativo». In udienza, spiega il Collegio, la difesa richiamò e allegò, a contestazione del fumus dei reati, quanto articolato nella richiesta di riesame avverso la misura cautelare personale.

Ora, considerato che l'articolo 45 della «231» richiama espressamente l'art. 292 c.p.p., il quale a sua volta prevede, a pena di nullità, che l'ordinanza cautelare contenga, fra l'altro, l'esposizione dei motivi per i quali sono stati ritenuti non rilevanti gli elementi forniti dalla difesa, e che il modello procedimentale cui s'ispira l'art. 47 del dlgs n. 231 del 2001 è quello a contraddittorio anticipato, è evidente che, a fronte della suddetta contestazione del quadro indiziario delineato nell'ordinanza cautelare personale, il mero rinvio al contenuto di questa, fatto dal Gip e lasciato invariato dal Tribunale, non poteva più assolvere all'onere motivazionale richiesto nel nostro sistema.

Ora gli atti torneranno al Tribunale di Pistoia che dovrà riconsiderare l'ordinanza con la quale qualche mese fa ha impedito alla società di contrattare con l'amministrazione.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Antiriciclaggio in agguato sui mandatari politici

del 24/01/2013

Mandatari politici. Antiriciclaggio in agguato. Nessuna deroga per banche e poste alle prese con l'a...

Aggiotaggio del manager, capogruppo responsabile

del 30/01/2013

Scatta la condanna per responsabilità amministrativa dell'ente ai sensi della «231» a carico della s...

Evasore fiscale: soggetto socialmente pericoloso

del 31/01/2013

L'evasore fiscale incallito va considerato un soggetto «socialmente pericoloso». È questa la definiz...