Consulenza o Preventivo Gratuito

Imprese: ecco i fondi per spingere alla sostenibilità

del 13/02/2013
di: di Roberto Lenzi
Imprese: ecco i fondi per spingere alla sostenibilità
Finanziamenti per incentivare l'occupazione giovanile e contributi per l'analisi dell'impronta di carbonio, incentivi alle fonti rinnovabili e all'efficienza energetica, contributi per le bonifiche dei siti contaminati, il recupero e la valorizzazione dei rifiuti. Sono questi gli interventi messi in campo per spingere le imprese a diventare sostenibili. Le novità in tema di aiuti alle tecnologie verdi sono emerse in occasione dalla terza tappa del road show sullo sviluppo sostenibile organizzato dal ministero dell'ambiente, da Formez Pa e da Confindustria per far conoscere alle imprese le ultime opportunità. L'appuntamento si è svolto martedì 12 febbraio a Modena, presso l'auditorium «Giorgio Fini» di Confindustria, dove il ministro dell'ambiente Corrado Clini ha partecipato alla presentazione dei nuovi bandi per l'occupazione giovanile nella green economy e per il «carbon footprint». Oltre ai bandi, pubblicati in Gazzetta Ufficiale lo scorso 25 gennaio e disponibili sul sito www.minambiente.it, sono stati illustrati alle aziende i meccanismi innovativi, gli incentivi, le leggi e le misure adottate dal ministero e dal governo per promuovere la crescita verde, la riduzione delle emissioni di anidride carbonica e la semplificazione delle procedure e delle normative ambientali. Ad oggi, grazie a bandi per green economy, carbon footprint e conto termico, le risorse accessibili tramite bandi, o prossime a esserlo, si aggirano attorno al miliardo e duecento milioni di euro a disposizione delle imprese.

Dal conto termico, 700 milioni di euro per le imprese. Il conto termico finanzia l'acquisto di apparecchiature destinate alla produzione di energia termica rinnovabile. L'incentivo copre mediamente il 40% dell'investimento e viene erogato in due o cinque anni. Gli impianti a fonti rinnovabili termiche sono incentivati fino a una potenza di 1 mW e, per il solare termico, fino a una superficie di 1000 mq. L'incentivo è riconosciuto a intervento effettuato e a seguito della presentazione di un'apposita istanza al Gse, attualmente ancora non presentabile. Il Gse sta predisponendo un portale internet dedicato, attraverso il quale i soggetti interessati a richiedere l'incentivo potranno compilare e inviare la documentazione necessaria. È già però possibile avviare l'intervento.

Fondi per 34 milioni di euro per le reti termiche nel Mezzogiorno. Grazie al Programma operativo interregionale «Energie rinnovabili e risparmio energetico» 2007-2013 (Poi Energia) il ministero ha messo a disposizione risorse per 380 milioni di euro. Una parte dei fondi è già stata destinata; per esempio, con un fondo per 34 milioni di euro è stata costituita un'apposita sezione del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, per la realizzazione, la ristrutturazione e il potenziamento delle reti di distribuzione del calore per teleriscaldamento e teleraffrescamento. Per le altre risorse, nei prossimi mesi saranno emanati gli appositi bandi da parte del ministero.

Bando da 2 milioni di euro per l'impronta di carbonio. Il ministero dell'ambiente ha recentemente lanciato la nuova edizione del bando che concede contributo alle imprese per effettuare l'analisi dell'impronta di carbonio dei propri prodotti di largo consumo. Si tratta di un'iniziativa già sperimentata in passato grazie a uno stanziamento di 1,6 milioni di euro che aveva permesso di accedere al contributo a 22 aziende.

Dal fondo per l'occupazione giovanile 460 milioni di euro. Sono previsti finanziamenti rimborsabili al tasso dello 0,5% per sostenere progetti di investimento delle imprese nei settori della green economy che prevedano la contestuale assunzione di giovani. Si tratta del bando che è scaturito dalla riforma del Fondo Kyoto, il cui primo bando si era svolto nel corso del 2012. I settori finanziabili sono, fra gli altri, la protezione del territorio e prevenzione del rischio idrogeologico e sismico, oltre alla ricerca, sviluppo, produzione e installazione di tecnologie nel solare termico, solare a concentrazione, solare termodinamico, solare fotovoltaico, biomasse, biogas e geotermica. Ammessi anche i settori dell'incremento dell'efficienza negli usi finali dell'energia nei settori civile, industriale e terziario, compresi gli interventi di social housing, nonché processi di produzione o valorizzazione di prodotti, processi produttivi od organizzativi o servizi che, rispetto alle alternative disponibili, comportino una riduzione dell'inquinamento e dell'uso delle risorse nell'arco dell'intero ciclo di vita. Il taglio minimo dei progetti di investimento presentati è pari a un milione di euro, ridotto a 500 mila euro nel caso di progetti presentati da Pmi ed Esco e a 200 mila euro per progetti presentati da srl semplificate.

©Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Facilitata l'erogazione di aiuti alle aziende agricole

del 24/01/2013

Esenzione dal greening dei pagamenti diretti delle aziende di dimensioni inferiori a dieci ettari e...

Polizze agricole assicurative a largo raggio

del 25/01/2013

Via libera al piano assicurativo agricolo 2013. Ad approvarlo, ieri, la Conferenza stato-regioni, ch...

Imprese verdi, ecco pronti fondi per 460 milioni

del 26/01/2013

Diventa operativo un nuovo canale di finanziamento a tasso agevolato a sostegno delle imprese che op...