Consulenza o Preventivo Gratuito

L'Isee fa i conti con la crisi e varia in corso d'opera

del 01/02/2013
di: di Cristina Bartelli
L'Isee fa i conti con la crisi e varia in corso d'opera
Il nuovo Isee si adegua alla crisi. E' prevista, infatti, per l'indicatore della situazione econmica equivalente, la possibilità di variazioni del calcolo in corso d'opera in caso di vicende legate al lavoro: se durante l'anno ci sono eventi, come ad esempio un licenziamento, che intervengono sulla situazione economica, sarà possibile rifare i conti. A differenza del precedente meccanismo che congelava il reddito della dichiarazione dei redditi dell'anno prima che a sua volta si riferisce ai redditi percepiti nell'anno precedente. Ma le variazioni reddituali dovranno essere superiori al 25%. Sono alcune delle novità contenute nel decreto Isee o riccometro esaminato ieri in tarda serata dal consiglio dei ministri che ha però deciso di rimandarne l'approvazione definitiva. Il nuovo riccometro riparte dal conto corrente: nella determinazione dei pesi e delle voci rilevanti, entrano in gioco sia aspetti legati al reddito, con il debutto delle franchigie, sia una situazione patrimoniale a 360 gradi. In particolare si terrà conto del valore del patrimonio immobiliare e di quello mobiliare. Maggior rilievo avrà infatti l'abitazione principale, la considerazione di patrimonio estero e la data di riferimento per la contablizzazione del patrimonio mobiliare. Si terrà conto in quest'ultimo caso, dei titoli e delle azioni possedute alla data del 31 dicembre dell'anno precedente a quello di presentazione della domanda isee. Sorvegliato speciale anche il conto corrente, sia esso in banca o in posta o nella forma del conto deposito.

Un doppio indicatore

Un indice per i redditi e un indice per i patrimoni. L'articolo 4 del decreto fornisce le indicazioni per i calcoli delle voci legate alla situazione reddituale. Un primo calcolo riguarda ciascun componente di nucleo familiare, un altro attiene agli importi che, per ciascun individuo, possono essere sottratti e infine considera le spese e le franchigie che si possono sottrarre per l'intero nucleo familiare (si veda quanto anticipato su ItaliaOggi dell'11 gennaio 2013). L'altro indicatore attiene alla situazione patrimoniale. Nel computo finiranno, per ciascun componente del nucleo familiare, il valore immobiliare e quello mobiliare.

L'innovazione riguarda, in particolare, la valorizzazione dell'immobile, il trattamento dell'abitazione principale, la considerazione del patrimonio estero. Per gli immobili debutta il calcolo parametrato all'Imu, al netto del mutuo residuo, e la considerazione dell'abitazione principale in proporzione ai due terzi del suo valore.

Per quanto riguarda la componente del patrimonio mobiliare, un calcolo un po' complesso viene riservato alle giacenze dei conti correnti. Questo perchè in passato, prendendo come riferimento le giacenze al 31 dicembre, si poteva dar luogo a «spoliazioni» strumentali del conto per abbattere il peso della componente. Ora si guarderà, invece, la data riferita all'ultimo trimestre dell'anno precedente a quello della presentazione delal domanda. Data che verrà individuata annualmente, previa estrazione nei primi giorni dell'anno successivo. Anche nel caso del patrimonio sono introdotte franchigie che dovranno essere applicate sia al singolo componente sia al nucleo familiare.

Isee corrente

Sarà dunque possibile calcolare un Isee corrente, riferito cioè ad un periodo di tempo più ravvicinato e non quindi annuale. Per far scattare il ricalcolo l'Isee dovrà subire variazioni pari al 25%, con riferimento all'indicatore della situazione reddituale, dovute ad eventi come la risoluzione, la sospensione o riduzione dell'attività lavorativa dei lavoratori a tempo indeterminato, il mancato rinnovo contratto di lavoro a tempo determinato o contratti di lavoro atipico, la cessazione di attività per i lavoratori autonomi. Il decreto recepisce le esperienze in atto in vari comuni e in altri Paesi europei per tenere conto di situazioni più ravvicinate nel tempo dove si verifichino significative variazioni della condizione economica. E' bene però ricordare che in questo caso saranno richiesti documenti aggiuntivi per comprovare la variazione.

© Riproduzione riservata

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
La pace fiscale agevolata è costata 1.453 euro

del 24/01/2013

Sono 119 mila le liti tributarie di importo fino a 20 mila euro definite dai contribuenti in modo ag...

Occhi del fisco anche sui conti correnti delle colf

del 24/01/2013

L'occhio «indiscreto» dell'amministrazione arriva anche sulle provviste dei collaboratori domestici....

Controlli, l'autovalutazione con ReddiTest non basta

del 24/01/2013

Con un anno di ritardo rispetto alla tabella di marcia, l'Agenzia delle entrate alla fine dello scor...