Consulenza o Preventivo Gratuito

Chi compra sim-dati non dovrà esibire carta d'identità

del 06/12/2012
di: Antonio Ciccia
Chi compra sim-dati non dovrà esibire carta d'identità
Niente richiesta di carta d'identità a chi compra una scheda dati. Il maxiemendamento al decreto crescita 2.0 modifica le modalità di acquisto delle schede sim. Vediamo perché.

Nella vecchia versione della legge 155/2005 (articolo 6) si prevede che prima dell'attivazione del servizio, al momento della consegna o messa a disposizione della occorrente scheda elettronica (Sim) deve essere garantita l'acquisizione dei dati anagrafici riportati su un documento di identità, nonché del tipo, del numero e della riproduzione del documento presentato dall'acquirente e assicurano il corretto trattamento dei dati acquisiti. La norma si inserisce nel quadro della lotta al terrorismo e stabilisce che ogni impresa è tenuta a rendere disponibili, anche per via telematica, al centro di elaborazione dati del Ministero dell'interno gli elenchi di tutti i propri abbonati e di tutti gli acquirenti del traffico prepagato della telefonia mobile, che sono identificati prima dell'attivazione del servizio, al momento della consegna o messa a disposizione della occorrente scheda elettronica (Sim).

Il decreto Crescita-bis aggiunge un comma all'articolo 6 citato, che, in alcuni casi, deroga all'obbligo di acquisizione della carta di identità. La norma, infatti, dispone che anche in deroga a quanto previsto dal comma 2 dell'articolo 6 (estrazione dati dalla carta d'identità), gli utenti che attivano schede elettroniche (Sim) abilitate al solo traffico telematico o che utilizzano postazioni pubbliche non vigilate per comunicazioni telematiche o punti di accesso a internet utilizzando tecnologia senza fili possono essere identificati e registrati anche in via indiretta, attraverso sistemi di riconoscimento via sms e carte di pagamento nominative. La carta di identità trova un'alternativa in sistemi indiretti di riconoscimento: carte di credito e messaggini. Questo vale per le schede Sim e per le connessioni wireless. Per l'attuazione della norma si rinvia a un decreto del ministro dell'Interno di concerto con il ministro dello Sviluppo economico, con il quale si individueranno misure di maggior dettaglio o per l'adozione di ulteriori procedure semplificate, anche per la telefonia mobile.

vota