Consulenza o Preventivo Gratuito

Tasse sulla casa, primato all'Italia per le più salate

del 15/11/2012
di: Simona D'Alessio
Tasse sulla casa, primato all'Italia per le più salate
Tasse sulla casa, all'Italia il primato di quelle più salate: considerando le imposte sulle proprietà immobiliari (dirette e indirette), il Belpaese aveva nel 2009 una pressione fiscale pari all'1,45% rispetto all'1,44% della media Ocse, all'1,32% dell'Unione europea e all'1,26% dell'Eurozona. Sempre due anni fa, da noi l'imposta di registro sugli immobili ero dello 0,72% del pil, in Germania dello 0,2%, in Francia dello 0,38%, mentre la media Ocse arrivava allo 0,31%. Lo si legge nel dossier presentato ieri, a Roma, nella sede di Confedilizia, il cui presidente Corrado Sforza Fogliani ritiene «un atto di giustizia» rivedere il prelievo sulle abitazioni. E contesta la tesi del 2011 del governo Monti, secondo cui «la tassazione era particolarmente bassa. La realtà è che abbiamo una pressione fiscale smodata che provoca reazioni a catena su proprietà e mercato, compravendita e affitto, eppure nella legge di stabilità all'esame di Montecitorio «non c'è alcun riscontro al riguardo e sull'Imu la chiusura è assoluta». Infine, la «discriminazione» della proprietà diffusa, rispetto ai «fondi immobiliari ed alle società quotate, che godono di agevolazioni fiscali per 500 milioni, è», conclude, «fonte di distorsioni che causano al sistema effetti recessivi».

vota