Consulenza o Preventivo Gratuito

Analisis: non c'è crescita senza professionisti

del 08/11/2012
di: La Redazione
Analisis: non c'è crescita senza professionisti
«Nell'analisi del disegno di conversione in legge del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese, così vasto ed articolato, abbiamo preso le mosse da un “paradosso”, efficacemente rappresentato dalle statistiche. I professionisti in Italia sono più di 2 milioni e sono in costante crescita negli ultimi vent'anni; i professionisti danno lavoro a circa 2 milioni di persone, vuoi come lavoratori dipendenti vuoi in termini di indotto. Un dato, quest'ultimo, in costante aumento, nonostante l'opposta tendenza che si registra negli altri settori dell'economia italiana: nel primo semestre dell'anno in corso il saldo occupazionale negli studi professionali è stato positivo, con una crescita di quasi 10 mila occupati. Il settore, nel suo complesso, produce il 15,1% del prodotto interno lordo nazionale. Eppure, nonostante il rilievo economico del lavoro professionale in Italia, questo provvedimento – così come il precedente Decreto sulla crescita convertito in legge in agosto – non prende in considerazione le esigenze dei professionisti e le occasioni di sviluppo del mercato dei servizi professionali». Parte da qui la relazione del presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella, davanti ai componenti della X Commissione Industria del Senato che, ieri ha convocato la Confederazione italiana liberi professionisti per esprimersi sul ddl per la crescita e dare voce alle posizioni dei professionisti su un provvedimento giudicato «determinante» per la ripresa dell'economia del Paese.

Il documento illustrato e depositato in Commissione interviene sui punti critici del provvedimento: dall'agenda digitale alle «comunità intelligenti»; dalle start up alla gestione delle crisi da sovra-indebitamento; dai contratti di rete alla compensazione tra crediti e debiti con la pubblica amministrazione. Temi che toccano da vicino l'attività dei liberi professionisti e che possono rappresentare una leva politica per valorizzazione del lavoro professionale. In pagina alcune delle proposte presentate da Confprofessioni.

vota