Consulenza o Preventivo Gratuito

Gare d'appalto, avvalimento anche sulla qualità

del 30/10/2012
di: di Andrea Mascolini
Gare d'appalto, avvalimento anche sulla qualità
In una gara di appalto pubblico l'istituto dell'avvalimento può essere utilizzato anche con riguardo alla certificazione di qualità aziendale; in quanto requisito di capacità tecnico-organizzativa che, quindi, può essere «prestato» ad altro soggetto che ne sia sprovvisto. È quanto afferma il Consiglio di stato, sezione quinta, con la sentenza del 23 ottobre 2012, n. 5408 che affronta il tema dell'utilizzabilità dell'istituto dell'avvalimento (il c.d. «prestito» dei requisiti previsto dall'articolo 49 del Codice dei contratti pubblici) rispetto alla certificazione di qualità aziendale. Il tema, da ultimo, è stato trattato anche dall'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici (determinazione n. 2 del 1° agosto 2012) che si è espressa «nel senso dell'inammissibilità del ricorso all'avvalimento per la certificazione di qualità» riconoscendo ad essa la natura di requisito soggettivo e non tecnico-organizzativo. Il Consiglio di stato, invece, sposa la tesi opposta, partendo dall'analisi della portata generale dell' art. 49 del Codice dei contratti pubblici che «è molto ampia e non prevede alcun divieto, sicché ben può l'avvalimento riferirsi anche alla certificazione di qualità di altro operatore economico». In altre parole per i giudici di Palazzo Spada la certificazione di qualità ha la sua ragione d'essere nella valorizzazione degli elementi di eccellenza dell'organizzazione complessiva, e quindi deve essere considerata «anch'essa requisito di idoneità tecnico organizzativa dell'impresa, da inserirsi tra gli elementi idonei a dimostrare la capacità tecnico professionale di un'impresa». Attraverso la certificazione di qualità aziendale la stazione appaltante vede così assicurata l'esigenza che l'impresa cui sarà affidato il servizio o la fornitura sarà in grado di effettuare la prestazione nel rispetto di un livello minimo di qualità accertato da un organismo a ciò predisposto. Si tratta di considerazioni di carattere generale che hanno rilievo soprattutto nell'ambito del settore dei servizi e delle forniture, in ragione della qualificazione del requisito della certificazione di qualità come elemento tecnico-organizzativo e non soggettivo. Nel caso di specie, infatti, viene ammesso l'avvalimento della certificazione di qualità in quanto elemento sulla base del quale viene emesso l'attestato Soa a sua volta «ceduto» all'impresa partecipante alla gara.
vota