Consulenza o Preventivo Gratuito

Inesattezze: il Notaio non è colpevole dell'irregolarità

del 29/09/2012
di: di Debora Alberici
Inesattezze: il Notaio non è colpevole dell'irregolarità
Il notaio rogante non è responsabile se dalla visura non risulta un'ipoteca a causa di una irregolarità della conservatoria che per essere superata comporterebbe la consultazione di migliaia di atti. Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 16549 del 28 settembre 2012, ha accolto il ricorso di un notaio condannato a risarcire un cliente per una visura inesatta. In particolare il professionista non si era reso conto delle ipoteche gravanti sull'immobile oggetto di compravendita. Questo perché la sede sociale di una delle parti era stata cambiata e la conservatoria non aveva aggiornato i registri generali. Ora ad avviso della Suprema corte, per quanto incomba sul professionista l'onere di guardare tutti i registri, le sue responsabilità vengono meno quando la variazione potrebbe essere rilevata soltanto mediante la consultazione di migliaia di documenti. Sul punto la Cassazione dice a chiare lettere che se «non può contestarsi che costituisce obbligo del notaio consultare anche il registro generale per il periodo successivo all'aggiornamento del registro particolare, non può ugualmente dubitarsi che tale obbligo sussista con riferimento alle ipotesi in cui tale mancato aggiornamento riguardi un limitato periodo di tempo, non potendo pretendersi che il notaio consulti migliaia di formalità». In altri termini, non possono ritenersi irrilevanti, sotto il profilo della responsabilità, tutte quelle irregolarità che sono destinate a rendere infruttuose eventuali ricerche del titolo reso pubblico.

Resta poi fermo il principio, in relazione agli altri casi, secondo cui «di per sé, il mancato aggiornamento del cd. registro generale non può costituire motivo di esonero da responsabilità del notaio rogante, il quale ha comunque la possibilità di consultare tale registro (generale) e rendersi conto dell'esistenza di trascrizioni od iscrizioni pregiudizievoli non risultanti dai registri particolari».

vota