Consulenza o Preventivo Gratuito

Accise carburanti, più semplice pagare con l'F24

del 18/08/2012
di: di Roberto Rosati
Accise carburanti, più semplice pagare con l'F24
Più semplice pagare le accise sui carburanti con il modello F24, anziché in tesoreria. Gli operatori che scelgono il sistema della delega unificata, infatti, non devono determinare distintamente la quota dell'imposta destinata al riequilibrio dei conti pubblici. Lo evidenzia l'Agenzia delle dogane con la nota prot. 99400 del 14 agosto scorso, avente ad oggetto il dm 20 luglio 2012, con il quale sono state definite le modalità di individuazione del maggior gettito delle accise, derivante dagli aumenti disposti dall'art. 2, comma 36, del dl 201/2011 (cosiddetto «salva-Italia»). In base all'art. 48 del dl, sul maggior gettito delle accise grava per cinque anni il vincolo di destinazione alle esigenze di raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica concordati in sede europea. Il citato dm ha pertanto quantificato nel 18,2% la misura da accantonare per le suddette esigenze, prevedendo che nel caso di versamento con il modello F24 la percentuale è imputata e contabilizzata distintamente a cura della struttura di gestione dell'Agenzia delle entrate, mentre se si sceglie il versamento in tesoreria è lo stesso contribuente che, in sede di versamento, deve scorporare la quota vincolata. Da qui l'invito agli operatori del settore a privilegiare il pagamento con il mod. F24.

vota