Consulenza o Preventivo Gratuito

Contribuenti Iva: Registrazioni contabili più facili

del 25/07/2012
di: di Roberto Rosati
Contribuenti Iva: Registrazioni contabili più facili
Anche i professionisti in contabilità semplificata che annotano nei registri Iva le operazioni rilevanti per l'imposizione diretta possono avvalersi della facoltà di registrare le fatture di importo inferiore a 300 euro attraverso un documento riepilogativo. Tuttavia, ai fini reddituali, questa possibilità è ammessa soltanto relativamente alle fatture attive o passive riepilogate nel documento unico che risultino saldate. È quanto ha chiarito l'Agenzia delle entrate con la risoluzione n. 80 del 24 luglio 2012, rispondendo a un quesito che mirava a sapere, in sostanza, se la semplificazione degli obblighi di registrazione Iva prevista dall'art. 6 del dpr n. 695/96 fosse compatibile con la possibilità per gli esercenti arti e professioni di annotare, ai fini reddituali, gli incassi e i pagamenti e le altre operazioni non rilevanti per l'Iva in apposite sezioni dei registri tenuti per tale imposta, prevista dall'art. 3 dello stesso dpr. L'Agenzia osserva che i contribuenti Iva hanno la possibilità di registrare le fatture attive e/o passive di importo inferiore a 300 euro attraverso un documento riepilogativo nel quale devono essere indicati i numeri delle fatture cui si riferisce, l'ammontare complessivo imponibile delle operazioni e l'ammontare dell'imposta distinto per aliquota. Questa semplificazione è da ritenersi ammessa anche per la registrazione degli incassi e dei pagamenti ai fini della determinazione del reddito professionale, qualora vengano annotati in una sezione separata del registro Iva come previsto dall'art. 3 del dpr 695/96, ancorché tale norma, rinviando all'art. 19 del dpr 600/73, lascerebbe presumere che occorra annotare distintamente ogni operazione rilevante sia ai fini Iva che delle imposte dirette.

Per motivi di omogeneità, l'Agenzia ritiene però che il documento cumulativo potrà essere annotato anche ai fini delle imposte sui redditi solo qualora le fatture emesse e/o ricevute, riepilogate nel documento stesso, siano state tutte saldate; in tal caso, come unica data associata al documento riepilogativo si utilizzerà quella dell'ultimo incasso e/o pagamento; eventuali fatture non ancora saldate al momento della formazione e registrazione del documento riepilogativo andranno invece annotate distintamente.

vota