Consulenza o Preventivo Gratuito

La prassi è poco chiara? Sì alle sanzioni del fisco

del 05/06/2012
di: Debora Alberici
La prassi è poco chiara? Sì alle sanzioni del fisco
La Cassazione fissa uno stringente paletto per l'esenzione delle sanzioni fiscali in caso di incertezza normativa. Solo il contrasto giurisprudenziale o in dottrina può esentare il contribuente non essendo sufficiente una nota dell'Agenzia delle entrate poco chiara sull'argomento. Lo ha sancito la Suprema corte che, con la sentenza n. 8825 del 1 giugno 2012, ha respinto il ricorso incidentale presentato dal comune di Como che chiedeva la disapplicazione delle sanzioni in relazione a delle imposte di concessione governativa in relazione alla stipula di contratti di abbonamento per la fornitura di telefonia mobile.

Sul punto la sezione tributaria ha ribadito quali sono i presupposti della cosiddetta incertezza normativa che esonera dal pagamento delle sanzioni. In sentenza sul punto si legge che «l'essenza del fenomeno incertezza normativa oggettiva si può rilevare attraverso una serie di fatti indice che spetta al giudice accertare e valutare nel loro valore indicativo, e che sono stati individuati a titolo di esempio e, quindi, non esaustivamente: 1) nella difficoltà d'individuazione delle disposizioni normative, dovuta magari al difetto di esplicite previsioni di legge; 2) nella difficoltà di confezione della formula dichiarativa della norma giuridica; 3) nella difficoltà di determinazione del significato della formula dichiarativa individuata; 4) nella mancanza di informazioni amministrative o nella loro contraddittorietà: 5) nella mancanza di una prassi amministrativa o nell'adozione di prassi amministrative contrastanti; 6) nella mancanza di precedenti giurisprudenziali; 7) nella formazione di orientamenti giurisprudenziali contrastanti, magari accompagnati dalla sollecitazione, da parte dei Giudici comuni di un intervento chiarificatore della Corte costituzionale; 8) nel contrasto tra prassi amministrativa e orientamento giurisprudenziale; 9) nel contrasto tra opinioni dottrinali; 10) nell'adozione di norme di interpretazione autentica o meramente esplicative di norma implicita preesistente». Questi fatti indice, aggiunge il Supremo Collegio, devono essere accertati ed esaminati ed inseriti in procedimenti interpretativi della formazione che siano metodicamente corretti e che portino inevitabilmente a risultati tra loro contrastanti ed incompatibili.

vota