Consulenza o Preventivo Gratuito

Niente condono se l'esenzione è aiuto di stato incompatibile

del 02/06/2012
di: La Redazione
Niente condono se l'esenzione è aiuto di stato incompatibile
Se l'esenzione fiscale è un aiuto di Stato incompatibile con il diritto comunitario il contribuente non può sottrarsi al versamento delle imposte e non ha diritto al condono. Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 8817 del 1 giugno 2012, ha accolto il ricorso dell'amministrazione finanziaria. Tutta la motivazione s'incentra sulla prevalenza dei principi del diritto comunitario rispetto a quelli interni e, come avviene da qualche tempo a questa parte, sulla disapplicazione delle norme sul condono Iva. Infatti il fondamento della diretta applicazione e della prevalenza delle norme comunitarie su quelle statali si rinviene essenzialmente nell'art.11 della Costituzione – laddove esso stabilisce che l'Italia consente alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni – e che il contrasto tra norme statali e disciplina comunitaria non dà luogo alla invalidità o illegittimità delle prime, ma ne comporta la «non applicazione», consistente nell'impedire che la norma interna venga in rilievo per la definizione della controversia davanti al giudice nazionale.

La vicenda riguarda un'azienda esercenti servizi pubblici locali. Questa aveva usufruito di aiuti di Stato che consistevano nell'esenzione fiscale di alcuni tributi. Poi era intervenuta una sentenza della Corte di Giustizia che aveva sancito l'illegittimità del beneficio. Quindi il fisco italiano aveva spiccato l'accertamento.

Quindi la società aveva presentato istanza per condonare il suo debito con l'amministrazione finanziaria. Nel frattempo era stato instaurato il contenzioso di fronte alla commissione tributaria regionale di Trieste. Ma il giudice aveva dichiarato cessata la materia del contendere per via del condono. Contro questa decisione l'Agenzia delle Entrate ha presentato ricorso in Cassazione e lo ha vinto.

Debora Alberici

vota