Consulenza o Preventivo Gratuito

L'avvocato è complice di evasione

del 16/05/2012
di: La Redazione
L'avvocato è complice di evasione
Avvocato, dalla segnalazione dell'operazione sospetta per antiriciclaggio alla sottrazione fraudolenta fiscale. Le Fiamme gialle del Nucleo di polizia tributaria di Como, ieri hanno dato esecuzione al sequestro di oltre 300 mila euro rinvenuti sui conti correnti di un avvocato lariano, nell'ambito di un'indagine condotta dalla procura della repubblica di Como. Il professionista aveva messo i propri conti correnti a disposizione di un cliente, imprenditore nel settore del mobile il quale, nel periodo 2006-2011, aveva accumulato oltre un mln di euro di debiti col fisco, pari a 32 cartelle di pagamento, non avendo versato alcun tributo Iva, Irap, Inps e Inail. Secondo quanto affermato dal Gip del Tribunale di Como, che ha disposto i sequestri, è emerso che sui conti correnti intestati all'avvocato e alla propria consorte, dal 2010 al 2011, erano stati versati oltre 60 assegni del valore complessivo di 330 mila euro, intestati e riconducibili esclusivamente alle attività dell'imprenditore che, in questo modo, poteva sfuggire alle richieste dell'erario, in quanto, nel frattempo, aveva formalmente dismesso tutti i beni e dei rapporti bancari a lui intestati.
vota