Consulenza o Preventivo Gratuito

Mobilità, il regime agevolato non opera sui premi assicurativi

del 21/02/2012
di: di Daniele Cirioli
Mobilità, il regime agevolato non opera sui premi assicurativi
È un po' meno conveniente assumere come apprendisti i lavoratori in mobilità, perché il regime agevolato non si applica ai premi assicurativi ma solamente ai soli fini contributivi. A precisarlo è l'istituto assicuratore nella nota protocollo n. 1100/2012, sciogliendo la riserva in materia, sulla base di indicazioni del ministero del lavoro.

I lavoratori iscritti nelle liste di mobilità

La questione riguarda una delle novità introdotte dal Tu apprendistato, il dlgs n. 167/2011 in vigore dal 25 aprile 2011. Ossia della speciale ipotesi di assunzione con apprendistato rivolta ai lavoratori iscritti nelle liste di mobilità, «ai fini della loro qualificazione o riqualificazione professionale». In tal caso il Tu prevede una deroga alla disciplina ordinaria rendendo applicabili al caso:

a) le disposizioni in materia di licenziamenti individuali di cui alla legge n. 604/1966;

b) il regime contributivo agevolato di cui all'articolo 25, comma 9, della legge n. 223/1991;

c) l'incentivo di cui all'articolo 8, comma 4, della medesima legge n. 223/1991.

Le prime disposizioni, nella sostanza, rendono «definitiva» l'assunzione del lavoratore, nonostante avvenuta con contratto di apprendistato, comportando l'applicazione delle norme sulla «stabilità» del rapporto di lavoro, ossia il divieto di licenziamento (legge n. 604/1966) e quindi il fatidico «articolo 18» dello statuto dei lavoratori (legge n. 300/1970) sulla reintegrazione in caso di licenziamento illegittimo. Quanto ai restanti punti, si tratta di due incentivi: il primo riconosce l'applicazione della contribuzione prevista per gli apprendisti per i primi 18 mesi; e il secondo la concessione, per ogni mensilità di retribuzione corrisposta al lavoratore, del contributo pari al 50% della indennità di mobilità che sarebbe stata corrisposta allo stesso lavoratore, per massimo 12 mesi ovvero, per i lavoratori di età superiore a 50 anni, per massimo 24 mesi, ovvero 36 mesi nelle aree del mezzogiorno.

Premi senza sconto

La questione, nello specifico, concerne l'applicazione dello speciale regime contributivo agevolato di cui alla legge n. 223/1991 (articolo 25, comma 9). Nella nota in esame l'Inail spiega che, così come già avvenuto per il passato, lo speciale regime agevolativo non trova applicazione per i premi assicurativi. E nel passato la questione è stata affrontata vastamente dalla giurisprudenza prima e poi da una norma di interpretazione autentica (articolo 68, comma 6, della legge n. 388/2000), nonché dalla corte costituzionale (sentenza n. 291/2003) che ha confermato la non applicabilità all'Inail delle agevolazioni previste dalla legge n. 223/1991 (articoli 8, 20 e 25 comma 9), a favore delle aziende che assumono lavoratori in mobilità, disoccupati o in cassa integrazione guadagni. Da ultimo, aggiunge l'Inail, anche il ministero del lavoro, interpellato dall'istituto circa la corretta interpretazione dell'articolo 7, comma 4, del Tu «si è pronunciato nel senso dell'inapplicabilità ai premi Inail del regime agevolativo previsto dalla legge n. 223/1991, in caso di assunzione di lavoratori in mobilità con contratto di apprendistato».

vota