Consulenza o Preventivo Gratuito

Giudici tributari, nuove pari opportunità

del 10/02/2012
di: La Redazione
Giudici tributari, nuove pari opportunità
Modificata la composizione del Comitato pari opportunità (Cpo) della magistratura tributaria. Il numero dei componenti passa da 8 a 10, con un incremento dei rappresentanti della componente associativa da 5 a 7 giudici. A deciderlo è stato il Consiglio di presidenza della giustizia tributaria, dopo che il comitato direttivo centrale dell'Associazione magistrati tributari aveva segnalato la possibilità di aumentare i componenti del Cpo di estrazione associativa.

Con la delibera dell'8 novembre 2011 il Cpgt aveva modificato la struttura del Cpo, disciplinata dall'articolo 7-bis, comma 2, lettere a) e b) del regolamento interno. In particolare, è stato stabilito che il comitato fosse composto da tre componenti del Cpgt, tra cui il presidente, e cinque giudici designati dall'associazione di categoria più rappresentativa (vale a dire l'Amt). Con la nuova delibera n. 73/2012, invece, via Solferino mantiene i 3 componenti provenienti dal Cpgt, ma porta a quota 7 i magistrati indicati dall'Amt. La modifica è stata inviata alla Gazzetta Ufficiale per la pubblicazione.

Schede di valutazione. Disponibili online le «pagelle» dei giudici tributari per il periodo 2008-2010. Con una nota inviata il 2 febbraio ai presidenti di commissione, il Cpgt ha comunicato l'avvenuta attivazione da parte della Sogei dell'applicativo informatico per la generazione e la stampa delle schede di valutazione triennale dei componenti dei collegi. I magistrati in servizio, pertanto, potranno ritirare la scheda presso le rispettive commissioni di appartenenza. Il modulo sintetizza in particolare la produttività dei singoli giudici, rilevando il numero di ricorsi assegnati, le ordinanze cautelari emesse, le controversie decise e i provvedimenti depositati. Sul punto, attenzione particolare viene dedicata alla ripartizione statistica in relazione al termine dei depositi delle pronunce (entro 30 giorni, entro 60 giorni, entro 180 giorni o oltre).

Valerio Stroppa

vota