Consulenza o Preventivo Gratuito

Giù del 20% i redditi degli iscritti a Inarcassa

del 09/02/2012
di: La Redazione
Giù del 20% i redditi degli iscritti a Inarcassa
Tra il 2007 e il 2010, il reddito medio degli iscritti a Inarcassa ha registrato «in termini reali» una riduzione del 16,2%. Che sale al 20,2% per gli architetti. Questi sfavorevoli andamenti risentono sia degli effetti della crisi e della bassa crescita dell'economia ma anche del numero di laureati che ogni anno viene abilitato in assenza di adeguate opportunità di lavoro. L'allarme «proletizzazione» è stato lanciato ieri dalla presidente e di Inarcassa nel corso di un Workshop a Roma per studiare da vicino gli effetti che avrebbe un eventuale passaggio al sistema di calcolo delle pensioni di tipo contributivo. La Muratorio, nel rendere noto il trend degli iscritti, ha fatto presente che nelle professioni di ingegnere e architetto è cresciuta molto l'incidenza dei giovani. Gli «under 40» sono quasi il 50% degli iscritti (46,4%), ma dispongono solo del 32,4% del monte reddituale; le donne sono il 25,9% (in aumento rispetto al 2000 quando erano il 18,5%), e sono più numerose tra gli architetti (37,9%) che tra gli ingegneri (11,8%). Ma i dati di flusso più recenti indicano questo trend di incremento femminile in «evidente accelerazione». Oggi quasi 1 ingegnere su 4 è donna (23,1% per l'esattezza) e 1 architetto su 2 (54,6%). «Questo “straordinario” afflusso di giovani laureati», ha aggiunto la Muratorio, «è da collegare alla mancanza di opportunità di lavoro dipendente, accentuata dalla recente crisi economica. E se una parte di questi professionisti abbandona a breve la professione, gli altri che rimangono iscritti hanno però redditi estremamente bassi». Oggi il reddito medio degli iscritti di Inarcassa è di 28.882 (dati 2011). Mentre il contributo medio versato si è attestato sui 4.143 euro (3.941 euro nel 2010). L'assegno medio per le pensioni di anzianità è stato nel 2011 di 30.963 euro (28.545 euro nel 2010).
vota